Degustazioni Degustazioni Paolo Scarpellini

Sound Sommelier vol. 20, il vino si può ascoltare

Sound Sommelier vol. 20, il vino si può ascoltare

Il vino? Si può ascoltare. Paolo Scarpellini (classe 1953) si autoproclama Sound Sommelier dopo 20 anni di critica giornalistica musicale e altri 20 come giudice e reporter su varie testate. Il suo credo? Considerare il vino come “musica da bere” e la musica come “vino da ascoltare”. Ecco quattro abbinamenti tra vino e musica suggeriti dal nostro Sound Sommelier. Per info: www.psmusicdesign.it

Pop-Rock

Chablis Premier Cru Vaucoupin 2018 Domaine Servin

Ascolta
Guesch Patti – Étienne
(CD singolo, 1987)

Con Guesch Patti – Étienne. Vive la France: parigina la rockeuse, borgognone lo Chablis Premier Cru Vaucoupin 2018 Domaine Servin. Mentre le tastiere si scaldano, scopriamo il giallo paglierino nel calice, ricco di sfumature verdoline. Ai primi, rochi vocalizzi, ecco saltare al naso fieno verde e zesta di limone, mentre a ogni colpo di batteria volano scintille di pietra focaia. Quando esplode il ritornello, una manciata di gesso e conchiglie atterra sulle papille, grazie anche a basso e chitarra. Il finale col ritornello a sfumare si accoda a una lunga, armonica chiusura.

Jazz Tango

Turriga 2015 Argiolas

Ascolta
Fresu, Galliano, Lundgren – Blue Silence
(dall’album Mare Nostrum II, 2016)

Con Fresu, Galliano, LundgrenBlue Silence. Sardo il leader del trio (Fresu), idem il Turriga 2015 Argiolas. I primi, liquidi accordi di piano servono per soppesare il rubino intenso dai riflessi granati nel calice. Se il morbido ingresso della tromba solletica l’olfatto con frutti di bosco neri, il seguente dialogo fra i due strumenti solleva sentori di spezie e macchia mediterranea: in evoluzione, cacao e tabacco biondo. Il bandoneon poi inonda la bocca di tannini peposi e carnosi, mentre il piano dona rotonde eleganze. Finale soft a sfumare in souplesse, come la chiusura lunga e articolata.

Etno Pop

Montevetrano 2009

Ascolta
Teresa De Sio – Voglia ’e turna
(dall’album Teresa De Sio, 1982)

Con Teresa De Sio – Voglia ’e turna’. Napoli (la De Sio) chiama, Salerno risponde (col Montevetrano 2009). L’occhio, sulla morbida intro di tastiere, scruta subito l’intenso rubino del “Supercampan”. L’attacco vocale insinua quindi alle narici note di viola, sulle quali il basso impila frutti di bosco, la chitarra invece ciliegia sotto spirito. Al travolgente ritornello, ugola e dialetto partenopeo saldano la trama tannica facendo ballare sul palato mirto, cannella e liquirizia. Il ritornello in loop che chiude sfumando sposa a meraviglia un lungo, eroico e persistente finale enoico.

Rock-Blues

Scacco Matto 2013 Fattoria Zerbina

Ascolta
Zucchero – Madre Dolcissima
(dall’album Oro, incenso e birra, 1989)

Con Zucchero – Madre Dolcissima. Duetto emiliano-romagnolo, quello fra il rocker reggiano e lo Scacco Matto 2013 Fattoria Zerbina. All’inizio, il vociare da TG porta la pupilla sul dorato brillante dell’Albana Passito. Scatta la batteria e sprigiona prepotente al naso pesca e ginestra; la voce roca intanto macina rosmarino, il basso affetta albicocca candita, la tastiera manda echi muffati. Con l’urlo liberatorio del ritornello, iodio e salmastro investono poi il palato: le voci femminili lo spalmano di miele. Il lungo, poderoso coro finale spinge al meglio un’inaudita persistenza.

Foto di apertura: © Peonia

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 10/02/2022

Leggi anche ...

I 125 anni del Castello di Querceto
Degustazioni
I 125 anni del Castello di Querceto

Leggi tutto

Benvenuto Brunello, la nuova formula e i nostri migliori assaggi
Degustazioni
Benvenuto Brunello, la nuova formula e i nostri migliori assaggi

Leggi tutto

Celebrate le 250 vendemmie, Masi guarda al futuro puntando sull’experience
Degustazioni
Celebrate le 250 vendemmie, Masi guarda al futuro puntando sull’experience

Leggi tutto