Dall'Italia Dall'Italia Mario Fregoni

Non tutto il vino va bene a Messa

Non tutto il vino va bene a Messa

Per legge (canonica) il vino usato nelle liturgie cristiane deve essere prodotto solo con uva (in teoria anche da tavola) e privo di difetti. Bando invece alle aggiunte in cantina: solforosa sì, ma poca, lieviti selezionati no. Altri culti che lo utilizzano.

“Naturale, figlio della vite e non corrotto”: è questa la definizione del vino da Messa.
Esso discende dalla tradizione ebraica del vino kasher, impiegato nelle cerimonie religiose, in particolare della Pasqua, dove è rosso e purissimo. Cristo nell’Ultima Cena ha trasmesso questa tradizione alla religione cristiana. A quei tempi le uve erano prevalentemente nere e quindi il vino bianco non faceva parte della tradizione.

Tag:

© Riproduzione riservata - 12/08/2020

Leggi anche ...

Sound Sommelier vol. 12, il vino si può ascoltare
Dall'Italia
Sound Sommelier vol. 12, il vino si può ascoltare

Il vino? Si può ascoltare. Paolo Scarpellini (class Leggi tutto

Rossi leggeri e bollicine i più amati nel post Covid
Dall'Italia
Rossi leggeri e bollicine i più amati nel post Covid

Dopo la riapertura dei suoi 18 negozi, avvenuta Leggi tutto

Paillard Blanc de Blancs 2012 in anteprima
Dall'Italia
Paillard Blanc de Blancs 2012 in anteprima

Alice Paillard presenta il nuovo Blanc de Blancs Leggi tutto