Degustazioni Degustazioni Elena Erlicher

Nals Margreid, la personalità è nel terroir

Nals Margreid, la personalità è nel terroir

Abbiamo assaggiato le annate in anteprima (meno una) dei bianchi di punta della Cantina cooperativa altoatesina Nals Margreid: Stein, Sirmian, Baron Salvadori, Mantele e l’iconico Nama. Nel calice le diverse espressioni di territorio delle 14 zone tra Nalles, Val d’Adige e Magrè da cui provengono le uve. 

L’obiettivo della Cantina altoatesina Nals Margreid è valorizzare il territorio differenziando i propri prodotti e puntando su un marchio riconosciuto a livello internazionale.
«Nals è il nostro nome, Margreid è il nostro cognome», ribadisce Gottfried Pollinger, direttore commerciale e CEO, che di questa filosofia è rappresentante e promotore con l’enologo e CEO Harald Schraffl. «Vogliamo essere riconoscibili e distinguerci dai nostri competitor con vini che esprimano il carattere di ogni zona di provenienza delle uve». E l’obiettivo è stato centrato a parere di quanti con noi hanno partecipato al pranzo di degustazione al Sine Restaurant di Milano, il 25 maggio, focalizzato sui bianchi della cooperativa in abbinamento ben studiato con i piatti dello chef-patron Roberto Di Pinto.

Gottfried Pollinger, direttore commerciale e CEO di Nals Margreid

Stein, Sauvignon moderno e tipico

Con l’aperitivo è stato servito lo Stein 2021, la versione più moderna del Sauvignon della Cantina. Nals Margreid nasce dall’unione di due storiche realtà cooperative altoatesine (nel 1985) e conta 160 ettari di vigneti (70% uve bianche e 30% rosse) di 138 famiglie di viticoltori, suddivisi in 14 zone tra Nalles, la Val d’Adige e Magrè, ad altitudini comprese tra i 200 e i 900 metri. La produzione totale si aggira sul milione di bottiglie l’anno. Nel caso dello Stein (30.000 bottiglie, 15 euro prezzo medio in enotca), le uve arrivano da Nalles; sono coltivate su suoli al 50% di porfido e al 50% calcarei, a 330-400 metri. È un Sauvignon non esagerato, quasi salato e con un’ottima spalla acida, che sa di agrumi, litchi, sambuco ed erbe aromatiche.

Splende la stella del Pinot bianco Sirmian

Ad accompagnare l’antipasto – crudo di ricciola, crumble di mais e gazpacho di pomodoro e fragola – il Sirmian (50.000 bottiglie, 30-35 euro), assaggiato nell’annata 2020. Il pluripremiato e storico Pinot bianco della Cantina non ha deluso le aspettative. Prodotto fin dal 1971, nasce nell’omonima località sopra Nalles, a 500-700 metri d’altitudine, da terreni compositi (calcare, gneiss, mica, ardesia e marmo) che ne forgiano il carattere. Oltre a una vinificazione in botti grandi e un affinamento sui lieviti di 8 mesi. Bianco longevo che arriva ai 15 anni, sa di pompelmo rosa, kiwi e timo e al palato ha spessore e sapida e lunga persistenza.

Baron Salvadori, campione rivale dei Borgogna

Il risotto al latte di mandorla, caviale di aringa e caffè di verdure (fatto proprio con la caffettiera da verdure essiccate) ha sposato il Baron Salvadori Riserva 2019 (25.000 bottiglie, 45-50 euro). Ci siamo spostati nella zona di Magrè in un singolo vigneto di uve Chardonnay, a 220-350 metri d’altezza; qui il clima più caldo è rinfrescato dall’Ora del Garda e suoli di ghiaia calcarea. Uve selezionate, rese basse, fermentazione e malolattica in barrique da 225 l, seguiti da 11 mesi in botte grande ne fanno un campione di stile internazionale, che alla cieca potrebbe rivaleggiare con i migliori Borgogna.

Il più complesso Sauvignon Mantele

Con la gallinella di mare all’acquapazza abbiamo degustato il Sauvignon Mantele 2019 (l’unica annata non in anteprima, 35.000 bottiglie, 30-34 euro). Il vigneto dove nascono le sue uve è di proprietà dello stesso Gottfried, che ne parla con il cuore: «Otto ettari sulla collina di Nalles a 350 metri, caratterizzati da un’elevata escursione termica giorno/notte danno vita a un Sauvignon dal carattere forte e deciso, denso e importante con un ricco insieme di aromi (erbe di campo, scorza di limone, mango, erba appena tagliata). Un bianco che arriva fino a 10 anni di vita!». 

I bianchi di Nals Margreid in abbinamento con i piatti dello chef-patron Roberto Di Pinto del Sine Restaurant a Milano

Nama, le due anime di Nals Margreid

Last but not least, il dessert di limone in varie consistenze ha accompagnato il Nama 2018 (solo 2.000 bottiglie e 500 Magnum, 180 euro), gioiello che esprime ai massimi livelli le due anime della Cantina altoatesina: quella di Nalles e della Valle dell’Adige (con il Pinot bianco al 6% e il Sauvignon al 4%) e quella di Magrè (con lo Chardonnay al 90%).
Il progetto prende il via dopo la visita del winemaker australiano (Eden Valley) Stephen Henschke, che intuisce le potenzialità dei vigneti del territorio. In collaborazione con l’Università di Bolzano vengono selezionati i viticoltori che dimostrano il rispetto assoluto per la natura. Fermenta e affina 18 mesi in piccole botti di rovere; dopo l’assemblaggio, segue una maturazione di 9 mesi in acciaio e 1 anno in bottiglia. La 2018 è la seconda annata prodotta, la prima è stata la 2016. Vino elegante, internazionale e di grande freschezza, che sa di mela, pera, mandorla, zenzero e fiori di acacia, con note affumicate.

Foto di apertura: Nals Margreid conta 160 ettari di vigneti. Sono suddivisi in 14 zone tra Nalles, la Val d’Adige e Magrè, ad altitudini comprese tra i 200 e i 900 metri

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 10/06/2022

Leggi anche ...

Il Vermentino dei Colli di Luni ha un grande futuro, ma un presente su cui riflettere
Degustazioni
Il Vermentino dei Colli di Luni ha un grande futuro, ma un presente su cui riflettere

Leggi tutto

Musivum Teroldego Rotaliano Superiore Riserva completa il “mosaico di vigneti” di Mezzacorona
Degustazioni
Musivum Teroldego Rotaliano Superiore Riserva completa il “mosaico di vigneti” di Mezzacorona

Leggi tutto

Per celebrare i 30 anni di Turriga Argiolas presenta Dialogo Adagio
Degustazioni
Per celebrare i 30 anni di Turriga Argiolas presenta Dialogo Adagio

Leggi tutto