Degustazioni Degustazioni Elena Erlicher

“La Storica” di Biondi-Santi in mostra a Milano

“La Storica” di Biondi-Santi in mostra a Milano

Durante i giorni della Milano Wine Week, al Four Seasons Hotel è stata esposta una selezione di annate provenienti dal caveau di Tenuta Greppo. In vetrina bottiglie di Brunello di Montalcino dal 1970 fino alla Riserva 2016, che è stata presentata in anteprima.

L’esclusiva collezione di Brunello di Montalcino Biondi-Santi (Riserva, annata e Rosso), che non lascia quasi mai le cantine dell’azienda toscana, è arrivata a Milano al Four Seasons Hotel. Ed è stata in mostra per tutta la durata della Milano Wine Week. Un evento raro, dato che “La Storica” – questo il nome della collezione che riunisce le annate più pregiate del nobile vino dal 1888, la prima prodotta nella storia del Brunello – raramente si fa ammirare al di fuori del caveau di Tenuta Greppo. In questo caso solo le annate a partire dagli anni ’70 hanno lasciato il nido, fino alla Riserva 2016, presentata in anteprima, che uscirà in commercio a marzo 2023. Insieme a lei sarà in vendita, sempre da marzo, la 2017 di Brunello annata, la prima del nuovo corso aziendale. La Cantina dal 2016 fa parte del gruppo francese Epi, di proprietà della famiglia Descours.

Storica Biondi-Santi
L’AD di Biondi-Santi Giampiero Bertolini

Una collezione che sfida il tempo

L’idea dell’esposizione è nata dopo un’esperienza simile a Londra nel 2021, quando il negozio di lusso Hedonism Wines ha esposto e messo in vendita un “dream lot” di Brunello di Montalcino Riserva Biondi-Santi dal 1945 al 2013 a 52.400 sterline. Dietro le vetrine della wine room del Four Seasons le bottiglie facevano bella mostra di sé in un’immagine che pareva portare in viaggio al di là del tempo.
«Perché ogni bottiglia è conservata spoglia nel caveau», ha spiegato l’AD Giampiero Bertolini, «e solo quando lascia Tenuta Greppo si veste della sua etichetta d’epoca, conservata anch’essa in una “banca” apposita che la mantiene come nuova per decenni. Periodicamente le bottiglie vengono stappate, controllate –  eliminate le fallanze (intorno al 4%) – e ritappate con tappi nuovi, a garanzia di un prodotto integro».

Gli investimenti per il futuro

“Evoluzione non rivoluzione” è il motto che guida la nuova gestione aziendale, che vuole accrescere l’eccellenza del Brunello Biondi-Santi, rimanendo fedele allo stile creato da enologi illuminati come Tancredi e Franco Biondi-Santi. Il cammino verso il futuro parte dalla vigna, con investimenti per affrontare il global warming. Come un innovativo sistema di allevamento, che ricorda un po’ la pergola, «costituito da pali in corten e una struttura di barre orizzontali mobili che sostengono i fili dell’impianto», ha raccontato Bertolini. «La struttura si modifica mentre cresce la pianta e permette di sviluppare una parete fogliare a V che protegge i grappoli dal sole e favorisce il passaggio dell’aria. O, ancora, come le reti protettive sia dalla grandine sia dal calore. Stiamo lavorando anche a una selezione di cloni e parteciperemo al progetto dell’Esa che lancerà nello spazio le nostre barbatelle, insieme a quelle di Angelo Gaja e Feudi di San Gregorio».

La degustazione delle Riserve 1975, 1988, 1999 e 2006

Per l’occasione abbiamo potuto assaggiare una verticale di annate di Brunello di Montalcino Riserva: 1975, 1988 e 1999, frutto della gestione di Franco Biondi-Santi, e 2006, creata dal figlio Jacopo. Il tutto in abbinamenti ai piatti proposti dallo chef Fabrizio Borraccino del ristorante Zelo del Four Seasons Hotel. Annate che hanno dato prova della straordinaria longevità per cui l’azienda ilcinese è rinomata nel mondo. Con una incredibilmente energica 1975 dalla grande freschezza (after-eight, mentolo, bastoncino di liquirizia), una 1988 più rotonda ed equilibrata ma sferzante ed elettrica al palato, una elegante 1999, che sa di fiori, piccoli frutti di bosco e tabacco dolce, una più timida e introversa 2006, dove prevalgono le note fruttate e balsamiche di antica farmacia.

Foto di apertura: in occasione della Milano Wine Week l’esclusiva collezione di Brunello di Montalcino Biondi-Santi è arrivata a Milano al Four Seasons Hotel

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 26/10/2022

Leggi anche ...

I 125 anni del Castello di Querceto
Degustazioni
I 125 anni del Castello di Querceto

Leggi tutto

Benvenuto Brunello, la nuova formula e i nostri migliori assaggi
Degustazioni
Benvenuto Brunello, la nuova formula e i nostri migliori assaggi

Leggi tutto

Celebrate le 250 vendemmie, Masi guarda al futuro puntando sull’experience
Degustazioni
Celebrate le 250 vendemmie, Masi guarda al futuro puntando sull’experience

Leggi tutto