Benvenuto Brunello, i nostri migliori assaggi

Benvenuto Brunello, i nostri migliori assaggi

All’anteprima ilcinese, i Brunello 2019 stupiscono per il loro equilibrio e la freschezza. Il Rosso di Montalcino (2022 e 2021) ambisce sempre più ad avere una propria dignità. La 2018, anche con la Riserva, si conferma annata più complessa e di difficile interpretazione.

Mentre i riflettori mediatici si accendevano sul Brunello, con l’Argiano 2018 al 1° posto nella classifica mondiale Top 100 di Wine Spectator, negli stessi giorni a Montalcino debuttavano in anteprima le nuove annate. Alla 32a edizione di Benvenuto Brunello sono stati presentati la 2019, la Riserva 2018, il Rosso 2022 (e 2021), più Moscadello e Sant’Antimo. Anche quest’anno l’anteprima ilcinese, che si è svolta dal 16 al 28 novembre, ha anticipato gli altri debutti nazionali di tre mesi (ne abbiamo parlato qui).

I numeri di Benvenuto Brunello

Per gli appassionati dei numeri, si potevano assaggiare 180 Brunello 2019, di cui 57 tra “selezione” e “vigna”, più 2 etichette 2018; 31 Riserva, di cui 30 del 2018 e un 2016; 45 Rosso di Montalcino 2022, 44 Rosso del 2021 e uno del 2019. L’uscita ritardata del Rosso sta diventando sempre più comune e testimonia la volontà di voler dare particolare dignità a questo vino, che tra l’altro quest’anno si è piazzato al 72° posto della classifica di Wine Spectator con il San Polo 2020 dell’azienda ilcinese di Allegrini. All’anteprima erano presenti anche 10 Sant’Antimo e 7 Moscadello. Per un totale di 320 vini in degustazione.

Le annate in anteprima: 2019, 2018 e 2022

Per quanto ci riguarda, abbiamo effettuato numerosi assaggi (eravamo in due a spartirci la lista) di circa due terzi dei 320 campioni. Possiamo affermare che la 2019, sebbene leggermente più calda della precedente, abbia dato un risultato di gran lunga migliore con vini molto più equilibrati, alcolicità ben integrata in un frutto giustamente maturo, tannini risolti e integrati. Ricordiamo, infatti, che la 2018, che qui si è presentata con la Riserva, era stata più complicata e meno fresca di quanto ci si aspettasse sulla carta, con tannini spesso amari, alcolicità notevole, senza il contraltare dello spessore nel tessuto del vino. La 2022 del Rosso di Montalcino è stata considerata la più calda e siccitosa di sempre. Molti produttori hanno presentato la 2021 del Rosso, preferendo non imbottigliarlo apposta per l’evento. Di seguito pubblichiamo i nostri migliori assaggi, quelli che ci hanno particolarmente colpito per l’interpretazione dell’annata.

Brunello di Montalcino

Banfi – Vigna Marrucheto 2019

Rubino compatto con guizzi brillanti. Profumo intenso, profondo, con note di sottobosco, liquirizia, erbe mediterranee, iodio. Carnoso e speziato con spinta fresca che invita alla beva, tannino molto maturo, soffice e spesso, persistente con finale preciso di liquirizia e piccoli frutti neri con evocazione sapida.

Camigliano – Paesaggio Inatteso 2019

Rubino deciso, al naso frutto intenso con ricordi di mora, mirtilli, composta di lamponi e un côté nobile ed etereo, di polvere gessosa, tabacchi dolci. Bocca strepitosa, matura con freschezza, tannino piccante il giusto, piccoli frutti al centro palato e sapidità marina profonda sul finale, con vibrazione piccante persistente sul finale.

Corte Pavone – Fior di Meliloto 2019

Tinta violacea. Naso fresco e progressivo: parte col lampone e con il frutto vibrante e poi veleggia su erbe aromatiche, finocchietto, iodio, incenso. Palato succoso, fruttato, dinamico, tannino leggermente pungente, molto integrato, persistente.

Podere Giodo – Giodo 2019

Elegante, fine e floreale; al palato conferma la sua grande finezza ed eleganza, con note di erbe aromatiche, freschezza iodata e finale persistente.

Pietroso 2019

Fiori secchi, erbe aromatiche, mora e rabarbaro. In bocca è rinfrescante e corroborante, ha ottima acidità, tannino centrato e finale lungo.

Poggio di Sotto 2019

Di colore granato piuttosto scarico, sa di frutti di bosco (lampone), agrumi, erbe aromatiche e leccio. Sorso intenso, fruttato, giustamente ferroso, gessoso, con finale di liquirizia e rinfrescante.

Val di Suga – Vigna Spuntali 2018

Contraddistinto da una nota terrosa, di sottobosco, liquirizia e tabacco. Sorso più rinfrescante, tannino deciso ma integrato.

Brunello di Montalcino Riserva

La Poderina – Poggio Abate 2018

Molto accattivante il profumo, intenso con abbondanza di frutto rosso (lampone), quindi aneto e alloro. Al palato risulta pieno e succoso, con tannino potente ma sostenuto dalla materia, persistente. Finale leggermente verde, timbro tipico dell’annata.

Col d’Orcia – Poggio al Vento 2016

Inno alla classicità, con un profumo molto intenso e “brunellesco” di tabacco, caffè, viola, lampone. Tipicità assoluta. Al palato è voluminoso, con frutto denso e maturo, tannino severo ma rotondo, freschezza e persistenza.

Rosso di Montalcino

Alessandro Rossi – CampoNovo 2022

Rubino con un tocco aranciato alla vista. Straordinaria intensità e ampiezza olfattiva: more, erbe aromatiche e mediterranee, tocco iodato. Esplosione mediterranea al palato, sapido e marino, con intreccio armonico di lentisco e frutti rossi maturi (composta di more, fragole), tannino severo ma equilibrato, estrazione gentile, ottima freschezza.

Argiano 2021

Concentrazione di colore cui corrisponde intensità di profumi: frutti rossi e mirtilli, polvere di gesso e di caffè. Ottima estrazione di tannini, morbidi, vellutati, con persistenza e buona acidità. Secco, piacevolmente amaricante sul finale.

Castiglion del Bosco – L’America 2021

Di colore granato scarico, sa di erbe aromatiche (eucalipto), leccio e arancia sanguinella. Palato intenso, ferroso e gessoso, profondo.

Donatella Cinelli Colombini – Casato Prime Donne 2021

Profumato ed elegante, con frutto rosso intenso e succoso (lampone), erbe aromatiche, fungo champignon. Ingresso al palato molto morbido, carezzevole; il tannino di buon volume e giustamente amaro compensa una certa rotondità e porta equilibrio con finale decisamente secco.

San Polo 2021

Bouquet di fiori freschi, agrumi, frutta rossa fresca, molto balsamico. Il sorso è  fresco, teso, scattante, con un alcol ben equilibrato, retrogusto fruttato e agrumato succoso, finale fresco.

Foto di apertura: i nostri migliori assaggi di Brunello annata

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 13/12/2023

Leggi anche ...

Sound Sommelier vol. 28, il vino si può ascoltare
Degustazioni
Sound Sommelier vol. 28, il vino si può ascoltare

Leggi tutto

Nebbiolo Prima: i nostri migliori assaggi
Degustazioni
Nebbiolo Prima: i nostri migliori assaggi

Leggi tutto

Cuvée 150. L’omaggio a Madame Pommery e al primo Brut della storia dello Champagne 
Degustazioni
Cuvée 150. L’omaggio a Madame Pommery e al primo Brut della storia dello Champagne 

Leggi tutto