Caffè: c’era una volta il primato italiano

Caffè: c’era una volta il primato italiano

Nei giorni scorsi Francesco Costa nel suo podcast Morning sul quotidiano Il Post ha rilanciato un argomento che ci sta molto a cuore, ovvero la tesi secondo cui il caffè italiano sarebbe il migliore del mondo. Per il giornalista, si tratta di un falso mito e, in effetti, la ricerca sui monorigine e sugli specialty coffee oggi ha decisamente spostato l’ago della bilancia. Per gustare una buona tazzina si va a Melbourne, New York, Portland, Seattle, Tokyo e Berlino, come ci raccontano Andrea Cuomo e Anna Muzio.

Era il 2013 quando nel centro di Firenze, apriva una piccola caffetteria dal look tra l’hipster e l’industriale: Ditta Artigianale. La cosa avrebbe potuto passare inosservata: in Italia di locali ogni anno ne aprono (prendiamo i dati Fipe del 2018, dopo tutto è cambiato) 13.629 tra bar e ristoranti, e ne chiudono 25.934, dei quali quasi la metà entro tre anni. Ma che quel primo localino di via de’ Neri fosse un po’ speciale lo si è visto dopo: proponeva un caffè diverso. Con una carta d’identità e una provenienza, un attestato di sostenibilità ecologica e sociale, una storia che coinvolgeva il coltivatore ed estrazioni che non si fermavano all’espresso e al cappuccino ma guardavano a stili che a Londra, Melbourne e Seattle erano ormai consolidati.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 17/11/2022

Leggi anche ...

Sostenibilità: la risposta di Roberto Castagner al caro energia
L'altro bere
Sostenibilità: la risposta di Roberto Castagner al caro energia

Leggi tutto

Cinque caffetterie di design (una per continente) dove gustarsi una tazzina
L'altro bere
Cinque caffetterie di design (una per continente) dove gustarsi una tazzina

Leggi tutto

Anche la birra sa invecchiare
L'altro bere
Anche la birra sa invecchiare

Leggi tutto