Mappato il genoma del caffè Arabica

Mappato il genoma del caffè Arabica

È tutto italiano lo studio scientifico che ha scoperto il genoma del caffè. Finanziato da Illycaffè e Lavazza, aziende leader del mercato, e condotto dalle Università di Padova, Trieste e dall’Istituto di genomica applicata di Udine, il progetto è durato due anni e ha portato al sequenziamento del genoma di coffea Arabica, la pianta che dà vita al 70% della produzione mondiale di caffè. I risultati del lavoro sono stati presentati il 24 marzo, al Palazzo Bocconi di Milano, dove è stata inoltre annunciata la costituzione di un comitato scientifico aperto alle altre aziende del settore, per rendere disponibile il know-how acquisito in modo gratuito.

LE AMBIZIONI DEL PROGETTO – La ricerca è stata molto complessa, perché ha analizzato per la prima volta un organismo “tetraploide”, cioè derivante dall’unione di altre due specie, la coffea eugenioides e la coffea canephora o robusta (il cui genoma era già stato sequenziato quattro anni prima). Le tappe fondamentali della ricerca hanno visto la preparazione di varie genoteche o librerie geniche, che hanno permesso poi il sequenziamento del Dna. «Infine, abbiamo annotato e identificato i geni codificanti», ha spiegato il professor Giorgio Graziosi dell’Università di Trieste, che ha coordinato il progetto, «ossia quelli che sono effettivamente responsabili delle caratteristiche della pianta e del chicco». Al momento è stato ricostruito oltre il 50% del Dna di Arabica ed è in corso il lavoro che dovrebbe consentire la completa decifrazione.

LE APPLICAZIONI POSSIBILI«Il sequenziamento del genoma del caffè», ha detto Giuseppe Lavazza, vicepresidente del gruppo, «permetterà di “leggere” la pianta e di identificarne perfettamente le origini, di individuare i geni che conferiscono una maggior resistenza alle malattie e alle infezioni e di migliorare la produttività delle coltivazioni». «Come per il vino anche per il caffè», ha dichiarato Andrea Illy, presidente e AD Illycaffè, «la strada giusta da percorre è quella della valorizzazione della biodiversità, per poter affrontare al meglio una delle sfide più impellenti del futuro: il riscaldamento globale. Inoltre, non bisogna dimenticare le implicazioni salutistiche che potrebbe avere una ricerca simile. Da qualche anno, infatti è dimostrato il ruolo del caffè nella prevenzione e cura di malattie come l’Alzheimer, il Parkinson e il diabete di tipo 2».

 

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 25/03/2014

Leggi anche ...

Ipa, Pils e dintorni: è una questione di stile
Dall'Italia
Ipa, Pils e dintorni: è una questione di stile

I modelli internazionali degli stili di birra sono Leggi tutto

Milano Sake Challenge: al via la prima edizione
L'altro bere
Milano Sake Challenge: al via la prima edizione

Lunedì 11 novembre a Milano debutta il primo Leggi tutto

Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto
L'altro bere
Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto

Il liquore della tradizione mitteleuropea ha trovato una Leggi tutto