Dal mondo Dal mondo Luzia Schrampf

I vini della Stiria guardano al futuro

I vini della Stiria guardano al futuro

La regione vinicola, nel sudest dell’Austria, è specializzata nella produzione di bianchi. Tra i vini della Stiria sono in ascesa i Sauvignon blanc vinificati in botte e più strutturati. Mentre la nuova denominazione DAC abbraccia la logica dei cru e dei vins de villages.

La Stiria è a tre ore d’auto a sud di Vienna, confina a est con l’Ungheria e a sud con la Slovenia. I suoi viticoltori sono circa 3.000 e lavorano su 4.633 ettari di vigna. La dimensione media di una Cantina stiriana è di 1,4 ettari (quella austriaca è di 3,22) e circa 3.600 ettari del vigneto Stiria (pari al 77%) sono piantati a uva bianca (fonte di tutti i dati: Dokumentation Österreich Wein 2017 di Austrian Wine Marketing Board e Wein Steiermark su dati Statistics Austria).

Tre regioni viticole in una

La regione viticola della Stiria (Steiermark) è un DAC (Districtus Austriae Controllatus) ed è divisa in tre aree. Vulkanland Steiermark DAC, lungo il confine con l’Ungheria e la parte più a est della Slovenia, conta 1.524 ettari ed è caratterizzata da un paesaggio con morbide colline di origine vulcanica, fortemente influenzata dalla pianura Pannonica. Südsteiermark DAC, con 2.563 ettari, è una zona prevalentemente collinare con vigneti fino a 650 metri di altezza. A causa della sua topografia in Stiria si riscontra un’enorme variabilità in termini di altitudine, soleggiamento e tipologia di suolo. Weststeiermark DAC, 546 ettari, è incastonata ai piedi delle Alpi dove il vitigno di gran lunga dominante è l’autoctono a bacca rossa Blauer Wildbacher.

Primavera nel Südsteiermark © AWMB – Armin Faber

Vendemmie perfette e non

La Stiria beneficia di correnti moderate ed è caratterizzata da una discreta umidità, proveniente dal sud e dall’Adriatico, e da un influsso d’aria calda dalla pianura Pannonica a est. Tutte le aree viticole sono situate lungo l’estremità sudest delle Alpi e un flusso di aria fresca è esercitato dalle vicine montagne, come la Koralpe (circa 2100 metri di altezza) che risulta più vicina al distretto Weststeiermark DAC.
Le Alpi proteggono anche dalle perturbazioni provenienti da ovest o da nord. Questo significa che anche le annate difficili nelle aree più settentrionali – nel Niederösterreich (Bassa Austria), intorno a Vienna o nel nord del Burgenland – possono risultare piuttosto buone in Stiria, nel sud, e viceversa. Ne è un esempio la vendemmia 2008, piuttosto fredda a nord ma vicina alla perfezione in Stiria. Di contro nel 2016, quando una forte gelata ha colpito l’Austria alla fine di aprile, la Stiria ne è uscita devastata perché dopo le gelate si sono verificate anche nevicate e grandinate.

oltre la metà dei vigneti si trova su pendenze che superano il 26% di inclinazione
© Weinstock in der Südsteiermark – K. Egle

Il suolo ricorda la ponca friulana

Il terreno caratteristico della Stiria è di tipo marnoso con un contenuto variabile di calcare – che aumenta a mano a mano che ci si sposta a settentrione. Viene chiamato opok in dialetto locale ed è paragonabile alla ponca del nord del Friuli. Da sud a nord si evidenzia una grande varietà: marne, rocce calcaree fossili, in parte arenarie e ghiaie, fino ai terreni scistosi del Sausal, la parte più a nord della Südsteiermark. Scisto, granito e altri materiali trasportati a valle dalle montagne per effetto dell’erosione sono presenti nel comprensorio Weststeiermark.
Più della metà dei vigneti si trova su pendenze con oltre il 26% di inclinazione e per legge la produzione può quindi essere definita Bergwein (vino di montagna). A causa della composizione dei terreni, anche gli appezzamenti molto ripidi sono piantati a rittochino, in senso longitudinale lungo le linee di massima pendenza. Quasi la metà dei vigneti della Stiria (2.200 ettari) dà il meglio di sé tra i 10 e i 30 anni.

Foto di apertura: AWMB / Egon Mark

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 2/2019 . Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag:

© Riproduzione riservata - 13/05/2019

Leggi anche ...

Italia in testa al mondiale degli spumanti
Dal mondo
Italia in testa al mondiale degli spumanti

Con 15 medaglie d’oro, Ferrari merita il titolo Leggi tutto

La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare
Dal mondo
La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare

Che cosa sta succedendo alla Cina, che quest’anno Leggi tutto

André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda
Dal mondo
André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda

Nato in Russia, vissuto a lungo negli Usa, Leggi tutto