Dal mondo Dal mondo Anna Rainoldi

Al via i Decanter World Wine Awards 2018

Al via i Decanter World Wine Awards 2018

Oltre 270 fra i massimi esperti di vino al mondo si trovano in questo momento a Londra. Sono i giudici dei Decanter World Wine Awards 2018, il celebre concorso vinicolo internazionale che prende il via proprio oggi. In due settimane la giuria riunita da Decanter all’ExCeL CentrEd valuterà i quasi 17 mila vini in gara quest’anno (in foto). Come sempre, sarà suddivisa in piccoli team in base alle competenze dei membri. Partecipano al concorso etichette da 61 Paesi del mondo, tra cui Azerbaijan, Kazakistan e Polonia. Cresce anche la partecipazione di mercati emergenti come Balcani, Caucaso, Repubblica Ceca, Moldavia, ma anche Giappone e Brasile.

Chi giudica i DWWA 2018

I giurati dei DWWA 2018 sono 275 professionisti del settore, provenienti da 33 nazioni. Fra di loro, 59 sono Masters of Wine e 25 Master Sommeliers. Una folta schiera di wine experts presieduti da un triumvirato: Andrew Jefford (columnist di Decanter e Decanter.com), Sarah Jane Evans MW e Michael Hill Smith MW, mentre il co-fondatore Steven Spurrier resta presidente emerito del concorso. Saranno loro a coordinare i presidenti regionali, come Jane Anson (per Bordeaux), Karen MacNeil (Usa e America centrale), Rod Smith MW (Provenza) e Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del bere (Nord Italia, escluse Piemonte e Veneto).

Dopo quindici edizioni

«Quando abbiamo lanciato i Decanter World Wine Awards nel 2004, con 4.500 vini in gara, l’obiettivo principale era premiare la qualità. Offrire un’opportunità alle piccole aziende vinicole che non possono investire in marketing per farsi conoscere nel mondo. Mettere in luce nuovi Paesi produttori. Ma anche dare consigli utili ai consumatori» ricorda Christelle Guibert, direttore dei tasting internazionali di Decanter. «Quindici anni dopo, constatiamo con orgoglio che i DWWA sono diventati uno dei concorsi enologici internazionali di riferimento. Un risultato che non avremmo mai ottenuto senza il contributo del nostro eccellente panel di degustatori. Molti di loro sono con noi fin dagli esordi».

Nuovi premi: Platinum e Best in Show

Quest’anno è stato introdotto un nuovo sistema di valutazione dei migliori vini in concorso, con medaglie di platino e oro “Best in Show”. I campioni con il giudizio più alto saranno nuovamente suddivisi per vitigni o stile e ri-degustati da un panel composto da presidenti e vicepresidenti regionali. I giudici ne conosceranno il Paese, la zona produttiva, le uve, l’annata e la fascia di prezzo. I migliori saranno premiati con medaglia di platino (Best Value Platinum per i vini sotto le 15 sterline). i Best in Show, riconoscimento più alto del concorso, saranno selezionati dalle medaglie platino e giudicati a parte dei tre presidenti dei DWWA.

Tag: , , ,

Leggi anche ...

Vino italiano in Russia: i prossimi scenari
Dal mondo
Vino italiano in Russia: i prossimi scenari

Si beve vino italiano in Russia? Quasi un Leggi tutto

Blaufränkisch, perla fra i vini austriaci
Dal mondo
Blaufränkisch, perla fra i vini austriaci

Il Blaufränkisch è una vera chicca: si esprim Leggi tutto

L’altra Loira: non solo Sauvignon
Dal mondo
L’altra Loira: non solo Sauvignon

Al Val de Loire Millésime abbiamo avuto modo Leggi tutto