L'altro bere L'altro bere Marco Cremonesi

Il cocktail diventa più naturale e meno alcolico

Il cocktail diventa più naturale e meno alcolico

L’arte del bere miscelato dice addio alla chimica e sposa una filosofia amica dell’ambiente. Nascono così drink sostenibili con ingredienti a km 0, succhi e acque aromatizzate create con tecniche di distillazione analcolica.

Ingredienti freschi, preparati (laboriosamente) poco prima di finire nel bicchiere. E naturali. Niente chimica, addio ai premix fatti chissà come che, fino al cambio del millennio, sono stati i protagonisti poco pubblicizzati del bancone. Il naturale è stata una delle leve più potenti per la rinascita della passione per i cocktail scoppiata in Italia una decina di anni fa e capace di spingere le persone a tornare nei cocktail bar. Anzi, a farli aprire: nel 2010, i locali di livello internazionale in Italia erano forse una decina. Oggi, nella guida di riferimento, BlueBlazer, i top bar sono circa 200.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 06/11/2020

Leggi anche ...

IWA 5, il sake di Richard Geoffroy al debutto in Italia
Dal mondo
IWA 5, il sake di Richard Geoffroy al debutto in Italia

Leggi tutto

È arrivata la stagione del sidro
Dal mondo
È arrivata la stagione del sidro

Leggi tutto

A ogni età il suo caffè:  viaggio tra le generazioni
L'altro bere
A ogni età il suo caffè: viaggio tra le generazioni

Leggi tutto