In Italia In Italia Tito Vagni

50 anni di storia del vino: il consumo artigiano tra distrazione e culto

50 anni di storia del vino: il consumo artigiano tra distrazione e culto

Un’analisi sociologica vede il vino come sistema di segni che produce molteplici significati. Un oggetto votivo davanti al quale raccogliersi religiosamente. L’apparente imprevedibilità di una platea di consumatori, diventata nel tempo più ampia.

L’articolo fa parte della Monografia Cinquant’anni di storia del vino (Civiltà del bere 1/2024)

Per uno strano preconcetto culturale, siamo abituati a pensare che le leggi della natura siano più oscure di quelle dello spirito. Invece, è vero il contrario: la natura può essere imbrigliata in protocolli di conoscenza che via via si perfezionano, fino a diventare un sapere acquisito e dominabile, mentre lo spirito umano è puro cambiamento, novitas.
Ecco perché le forme del consumo appaiono idiosincratiche e in balia degli animal spirits dei consumatori, espressione usata spesso per cogliere e stigmatizzare la doppia tendenza del consumo ad essere (apparentemente) irrazionale e imprevedibile. Non deve quindi sorprendere il dato che a fronte di una crescente profusione di parole, immagini, libri, articoli, pubblicità, saperi, eventi dedicati al vino, il consumo di questo genere voluttuario sia in flessione. 

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 13/05/2024

Leggi anche ...

Sicilia en Primeur, un format vincente che compie 20 anni
In Italia
Sicilia en Primeur, un format vincente che compie 20 anni

Leggi tutto

Iem, 25 anni in prima fila nella promozione del vino italiano
In Italia
Iem, 25 anni in prima fila nella promozione del vino italiano

Leggi tutto

Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”
In Italia
Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”

Leggi tutto