Verticale Taurasi Mastroberardino. Dal 1934 a oggi

Verticale Taurasi Mastroberardino. Dal 1934 a oggi

Sono poche in Italia le Cantine, ancor meno le famiglie, che possono presentare vini degli anni Trenta, non ricolmati, ma presi dallo scaffale della cantina. E che dopo averli stappati non fanno brutta figura, ma anzi ci mettono nella condizione di sognare. Di sognare che queste poche storie che abbiamo la fortuna di raccontare, che vedono protagonisti i pionieri del vino italiano, siano la dimostrazione “bevuta” di quello che il nostro Paese potrà offrire diffusamente tra qualche decennio. È il caso del Taurasi Mastroberardino.

I collezionisti arrivano al 1950

Anche se oggi nella mappa mentale del connoisseur il Taurasi è un punto fermo, un classico, è bene ricordare che la Docg fu creata nel 1992, ed erano in due a produrlo, uno dei quali Mastroberardino. Ecco perché sosteniamo che, rispetto a tanti rinomati classici francesi, abbiamo ancora molto da dire, sostenuti da questi fulgidi esempi. Nel mondo esiste un collezionismo di vini firmati Mastroberardino che arriva fino agli anni Sessanta. Si trova in circolazione anche qualche bottiglia dei Cinquanta, soprattutto negli Usa, ma reperire annate precedenti è impresa difficile.

Taurasi 1934. Dieci bottiglie per dieci anni

È dunque speciale l’occasione di assaggiare un millesimo 1934, e di saltellare di decennio in decennio, idealmente sotto gli occhi dei padri fondatori della Casa vinicola campana, i cui ritratti ci sorvegliano alle pareti: Michele, Angelo e Antonio. Ci guida negli assaggi Piero, con il quale (vedi Civiltà del bere maggio/giugno pag. 34) abbiamo visitato la gran parte dei 200 ettari di proprietà, a partire dalle tenute di Mirabella Eclano (66 ettari) e di Montemarano (sito storico per il Taurasi Docg, 12 ettari). Abbiamo toccato con mano i grappoli di Aglianico e le vigne seguite con passione da Antonio Dente, il responsabile della produzione delle uve. Ma torniamo a quel 27 maggio 2016 e al cosiddetto “T-Day”, dieci Taurasi per dieci anni, e riportiamo, sperando di trasmettere l’emozione di quella mattinata, le note dei nostri assaggi.

Leggi le tasting notes della verticale Taurasi Mastroberardino.

 

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 04/2016. Per continuare a leggere acquista il numero nel nostro store (anche in edizione digitale) o scrivi a store@civiltadelbere.com.
Buona lettura!

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 04/10/2016

Leggi anche ...

Secondine 2017, in anteprima il nuovo cru di Barbaresco Prunotto
Dall'Italia
Secondine 2017, in anteprima il nuovo cru di Barbaresco Prunotto

La storica azienda piemontese, che da 30 ann Leggi tutto

Domenica a Modena torna Champagne Experience
Dall'Italia
Domenica a Modena torna Champagne Experience

Oltre 470 Champagne, 125 Maison, 67 importator Leggi tutto

Fantastica battaglia tra Soldati e Monelli
I commenti di Alessandro Torcoli
Fantastica battaglia tra Soldati e Monelli

Degustiamo sogni o vini? Resterà un dilemma senza Leggi tutto