Scienze Scienze Civiltà del bere

Vino inglese protagonista al Cool Climate Symposium

Vino inglese protagonista al Cool Climate Symposium

di Anastasia Roncoletta

 

Si è aperto ieri a Brighton, UK, il nono International cool climate Symposium. Dal 1984, ogni quattro anni, i maggiori protagonisti del panorama vitivinicolo internazionale si ritrovano per discutere le tematiche inerenti la viticultura, l’enologia e il business del vino prodotto in climi marginali e freddi. Ad inaugurare l’apertura del simposio, l’intervento del ministro dell’Agricoltura inglese George Eustice, il quale ha presentato l’attuale situazione dell’industria vitivinicola inglese (sponsor dell’evento) che con oltre 133 cantine, 2.000 ettari vitati e una produzione annuale di 5,06 milioni di bottiglie consumate principalmente in Inghilterra (l’export rappresenta il 9%), si sta proponendo come protagonista sulla scena dei vini spumanti a livello internazionale.

Il futuro del vino inglese

Il futuro sembra essere roseo per i produttori inglesi, i quali hanno come obiettivo il raggiungimento di 3.000 ettari piantati nel 2020 e di incrementare la quota di esportazione a discapito dei vicini francesi. I cambiamenti climatici sembrano agevolare questo processo e i risultati qualitativi sono stati confermati dai 28 premi internazionali ricevuti durante gli anni. Interessante anche la scelta dei vitigni piantati e resistenti ai climi freddi come Bacchus, Rondo e Solaris, a cui si aggiungono quelli internazionali come Pinot Meunier, Chardonnay e Pinot nero. A concludere l’inaugurazione, Jancis Robinson MW e OBE, che ha sollecitato i produttori a non copiare lo Champagne ma a trovare una propria identità.

La prima giornata di Cool Climate Symposium

La prima delle 28 sessioni – che si protrarranno per 3 giorni – ha avuto come protagonisti i professori Hans Schultz, presidente della Geisenheim University, e Gregory Jones, direttore della divisione business dell’Oregon University. Schultz e Jones hanno illustrato al pubblico le caratteristiche delle future regioni vitivinicole nei climi freddi, tra cui Canada, Svezia e Danimarca. A concludere la giornata Stephen Skelton MW, uno dei maggiori esperti di viticultura internazionale, ha guidato la degustazione di oltre 12 vini spumanti inglesi: tra le aziende vinicole protagoniste, nomi come Nytimberg, Wiston Estate e Gusbourne.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 27/05/2016

Leggi anche ...

Archetto, Bellussi, Lyra. Le forme di allevamento più rare
Scienze
Archetto, Bellussi, Lyra. Le forme di allevamento più rare

Come si coltiva un vigneto? Di seguito elenchiamo Leggi tutto

Scoperta la sequenza del genoma della fillossera
Dal mondo
Scoperta la sequenza del genoma della fillossera

Il terribile parassita che a fine Ottocento sconvols Leggi tutto

Guyot, pergola, alberello: le forme d’allevamento più diffuse
Scienze
Guyot, pergola, alberello: le forme d’allevamento più diffuse

Come si coltiva un vigneto? Di seguito elenchiamo Leggi tutto