Prima dell’esame MW

Prima dell’esame MW

Ci siamo. Domani affronterò il mostro, questo leggendario esame MW, quattro giorni di degustazioni alla cieca e di domande teoriche su viticoltura, enologia, controllo qualità, business e attualità. Credo di essere il primo italiano a cimentarsi in questa sfida, e di questo sono già orgoglioso, comunque vada.

Le percentuali di successo, per entrambe le prove (degustazioni e teoria), sono ridicole: circa il 5-7% riesce nell’impresa. Più probabile, se si è raggiunto un certo livello di comprensione delle logiche MW, riuscire nell’una o nell’altra, per poi ritentare l’anno successivo l’impresa di completare l’esame e dirigersi verso il research paper (la ricerca che prende almeno 6 mesi ed è il vero ultimo scoglio).

Agli amici che mi stanno seguendo in questa (folle) avventura e che calorosamente tifano per me, dico che punto più sulla pratica (degustazioni) che sulla teoria… che è tutto dire, in quanto le percentuali di successo sono maggiori nell’esame di teoria. Nei tastings, con una buona gestione del tempo, sangue freddo, un po’ di fortuna e un guizzo di intuito nella mattina giusta, potrei raggiungere il fatidico 65% “pass rate”.

Per la teoria, si accettano miracoli: oltre alla vastità della materia, devo fare i conti con uno stile che non è affatto quello “latino”. La struttura degli essays dev’essere di stampo squisitamente anglosassone, con molti esempi dall’enologia internazionale. Ci vorrebbe più tempo per praticare e per visitare un paio di Paesi che finora ho studiato solamente in teoria o assaggiandone i vini. Ma, come scriveva il mio caro Mario Soldati, parafrasando Eraclito, nelle sue strepitose cronache del Mundial 82: “Chi non si aspetta l’inaspettabile, non lo raggiungerà mai”.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 08/06/2015

Leggi anche ...

Il contadino di Godia, parabola di un rischio
I commenti di Alessandro Torcoli
Il contadino di Godia, parabola di un rischio

Una riflessione di Alessandro Torcoli sui provvedimenti appena Leggi tutto

Scatta l’ora della RestaurAction
Food
Scatta l’ora della RestaurAction

RestaurAction è un’iniziativa culturale e simbolica, di sostegno Leggi tutto

Le responsabilità del leader di un territorio vinicolo
I commenti di Alessandro Torcoli
Le responsabilità del leader di un territorio vinicolo

Quali sono le responsabilità del leader? Nelle compless Leggi tutto