Scienze Scienze Riccardo Oldani

“Minibocche” per scoprire i difetti in cantina

“Minibocche” per scoprire i difetti in cantina

Nuovi sensori nanotecnologici, che usano come rilevatori proteine della saliva umana, sono in grado di capire se, già durante le prime fasi dell’affinamento, un vino è astringente, cioè produce quel senso di secchezza della lingua e del palato determinato da un eccesso di tannini e di polifenoli.

ASSAGGI NANOTECNOLOGICI – I sensori sono stati sviluppati dall’Università di Aarhus in Danimarca, per dare ai produttori uno strumento efficace nel controllo della produzione, utile per scegliere le adeguate contromisure, in presenza di difetti. I nanosensori, che funzionano come vere e proprie “minibocche”, hanno però anche un’utilità scientifica, perché possono aiutarci a capire meglio i meccanismi che producono la sensazione di astringenza nella nostra bocca.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 26/02/2015

Leggi anche ...

Il senso del luogo di origine e la firma aromatica secondo Tedeschi
Scienze
Il senso del luogo di origine e la firma aromatica secondo Tedeschi

Leggi tutto

Geosociologia delle patatine. Un campionario che fa riflettere
Scienze
Geosociologia delle patatine. Un campionario che fa riflettere

Leggi tutto

50 anni di storia del vino: dagli studi sul DNA alle applicazioni dell’IA
Premium
50 anni di storia del vino: dagli studi sul DNA alle applicazioni dell’IA

Leggi tutto