In Veneto focus sul Manzoni bianco

In Veneto focus sul Manzoni bianco

Manzoni bianco: come viene percepito dalle aziende venete e quali sono le opportunità per valorizzarlo? Una serie di interessanti risposte è stata fornita dall’indagine del team del professor Vasco Boatto della facoltà di Agraria dell’Università di Padova, e presentata da Federica Bianchin a fine giugno alla Scuola enologica di Conegliano (Treviso). Sotto la lente 44 aziende vitivinicole nelle zone del Piave Doc, dell’Asolo Docg e di Conegliano Valdobbiadene che nel 2010 hanno risposto a un questionario e ad alcune interviste.

In particolare, il 48,8% del campione considerato ha una produzione di vini inferiore ai 5 mila ettolitri annui, mentre il 23,3% spazia tra i 5 mila e i 15 mila; il fatturato della maggioranza, il 34,3%, è compreso tra 1 milione e 5 milioni di euro, solo il 2,9% supera i 20 milioni. Cosa è emerso? In base ai dati relativi al Manzoni bianco prodotto nel 2008, ben 40 aziende hanno realizzato vino per una produzione Igt, solo 4 per la Doc Colli di Conegliano. Il 70% del campione intervistato due anni fa ne ha prodotto dai 10 ai 200 ettolitri annui. Treviso è la città in testa al mercato veneto (60,2%), seguita a grande distanza da Venezia (13,6%); a livello nazionale il Manzoni bianco viene commercializzato per il 77,4% nel Nordest. Il formato predominante è la bottiglia da 0,75 litri (63,14%); la versione tranquilla di questo vino nel 36,8% dei casi viene venduta direttamente presso le aziende a un prezzo che arriva fino ai 3 euro. Quali i punti di forza? Le Case vinicole sono fermamente convinte della sua qualità (88,6%) e del suo prezzo accattivante (59,1%), ma non nascondono di vedere difficoltà a comunicarlo (61,4%). Il vino prodotto è inoltre poco (34,1%) e viene considerato impegnativo (25%).

Come valorizzarlo? È proprio qui che occorre unire gli sforzi non solo dei produttori che credono nel Manzoni bianco ma anche da parte di enti e consorzi. Tra le proposte, l’esigenza di attivare una comunicazione extraregionale ed extranazionale mentre altri hanno sottolineato che bisogna puntare su visite aziendali o su una rete distributiva apposita. Quello che ha messo tutti d’accordo è il fatto di utilizzare un nome univoco per questo vino, ricercando la tipologia di Manzoni bianco che ne valorizza al meglio le caratteristiche.

Tag:

© Riproduzione riservata - 20/07/2010

Leggi anche ...

Cuvée Voyage, la nuova bollicina di Frescobaldi invita al viaggio
Dall'Italia
Cuvée Voyage, la nuova bollicina di Frescobaldi invita al viaggio

Leggi tutto

30 anni di Benvenuto Brunello
Dall'Italia
30 anni di Benvenuto Brunello

Leggi tutto

Censimento delle Vecchie Vigne: il Trentino
Dall'Italia
Censimento delle Vecchie Vigne: il Trentino

Leggi tutto