Scienze Scienze Elena Erlicher

Il valore della Malvasia nelle pagine di un libro

Il valore della Malvasia nelle pagine di un libro

Alla presentazione online del libro Malvasia, il vino prezioso d’Oriente che Venezia rese nobile nel Mediterraneo di Angelo Costacurta e Sergio Tazzer è nata una riflessione attuale sul suo rilancio e la sua valorizzazione.

Non sarà forse un vino che cavalca i trend attuali di consumo, ma la Malvasia, e la varietà da cui deriva, possono vantare una storia avventurosa quasi millenaria. Anzi sarebbe più corretto parlare di Malvasie, perché ampia è la famiglia delle varietà che a partire dal Peloponneso e dal Basso Medioevo si diffusero nel bacino del Mediterraneo fino ad arrivare, oltre lo Stretto di Gibilterra, a Madeira e alle Canarie. Il loro viaggio è ben illustrato nel volume Malvasia, il vino prezioso d’Oriente che Venezia rese nobile nel Mediterraneo di Angelo Costacurta e Sergio Tazzer (Kellermann Editore, 2020) presentato on-line sabato scorso.

copertina libro malvasia

La collana Grado Babo

Il libro fa parte della collana Grado Babo, che già conta un altro testo (Marsala. Il vino di Garibaldi che piaceva agli inglesi). «Ogni titolo della raccolta racconta un vino protagonista», spiega Roberto da Re Giustiniani di Kellermann Editore, «un vino che è passato attraverso guerre, invasioni, conquiste, scambi commerciali, un vino che ha fatto la storia».

Il ruolo dei mercanti veneziani

Il viaggio comincia «nel segno della croce», ricorda il professor Angelo Costacurta, «con l’enciclica di papa Innocenzo III che chiamava i cavalieri cristiani alla quarta crociata». E prosegue con il coinvolgimento della Repubblica di Venezia e dei mercanti veneziani, a cui bisogna riconoscere il merito di aver introdotto le Malvasie nelle regioni adriatiche e mediterranee.

L’annegamento del duca di Clarence in una tinozza di Malvasia

Da Shakespeare a Lutero

Gli episodi citati nel libro che vedono protagonista la Malvasia sono davvero tanti. «Nel Riccardo III di Shakespeare», racconta il giornalista Sergio Tazzer, «l’uccisore del duca di Clarence minaccia: “Ti annegherò in una botte di Malvasia”. E proprio in una tinozza di Malvasia Giorgio Plantageneto, duca di Clarence, finì i suoi giorni, affogato in segreto da due sicari… durante la Guerra delle due rose». Interessante la metafora di Martin Lutero: “Dio non sta con un randello dietro di te, ma ti è davanti con un bicchiere di Malvasia”.

La famiglia delle Malvasie si è diffusa a partire dal Peloponneso nel bacino del Mediterraneo fino ad arrivare a Madeira e alle Canarie (nella foto Lanzarote)

Il racconto della Malvasia

La presentazione del libro è stata l’occasione per riflettere sul rilancio e la valorizzazione della Malvasia, con un passato da vino di gran pregio e un futuro tutto da costruire, basato, per esempio, sul racconto della sua storia. «Si potrebbe innestare una narrazione, raccontando le sue vicissitudini nel bacino del Mediterraneo. Perché alla fin fine i vini si vendono anche per la storia che rappresentano, non solo per la tendenza che incarnano», è stato il focus del mio intervento (Elena Erlicher era tra i relatori della presentazione, ndr). L’economista Maurizio Sorbini ha parlato di “pillole di storia dinamica”, che dovrebbero accompagnare il racconto del vino come prodotto artigianale.

Alla ricerca di identità e del giusto abbinamento

Il produttore friulano Alberto d’Attimis Maniago, da parte sua, auspica che la Malvasia possa trovare una propria identità. La voce della ristorazione è stata portata, in primo luogo, dal sommelier e ristoratore trevigiano Eddy Furlan (La Panoramica), che ha sottolineato la versatilità nell’abbinamento con il cibo (per esempio, è ottima con i formaggi erborinati); e poi dal ristoratore veneziano Sergio Fragiacomo (Bistrot de Venise) che ha parlato del valore del legame della Malvasia (istriana) con la cucina della tradizione. Proprio a quest’ultima, la Malvasia istriana, è stata conferita unanimemente da parte dei presenti la palma della qualità.

Malvasia, il vino prezioso d’Oriente che Venezia rese nobile nel Mediterraneo

di Angelo Costacurta e Sergio Tazzer, Kellermann Editore, 2020, 15 euro

Foto di apertura: il Collio, patria della Malvasia istriana

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 20/12/2020

Leggi anche ...

Robot in vigna? Le ultime dai Leonardo Labs del Politecnico di Milano
Scienze
Robot in vigna? Le ultime dai Leonardo Labs del Politecnico di Milano

Leggi tutto

I tre nuovi cloni del Turbiana
Scienze
I tre nuovi cloni del Turbiana

Leggi tutto

Maestri dell’eccellenza: Guido Berlucchi e il manifesto green della Franciacorta
Scienze
Maestri dell’eccellenza: Guido Berlucchi e il manifesto green della Franciacorta

Leggi tutto