Dall'Italia Dall'Italia Lucio Bussi

Dalla A di Amarone alla B di Brunello, una degustazione esclusiva dell’annata 2010

Dalla A di Amarone alla B di Brunello, una degustazione esclusiva dell’annata 2010

Amarone della Valpolicella e Brunello di Montalcino; due storie e due esperienze sensoriali molto diverse, ma una vocazione unica a tenere alto nel mondo il nome e il valore del made in Italy enologico.

L’uno ricco di aromi di frutta matura e di spezie, l’altro austero e di grande eleganza. I due grandi vini rossi nazionali si sono confrontati, o meglio raccontati, a tavola a Verona su iniziativa dell’associazione Le Famiglie Storiche, sodalizio costituito nel 2009 tra tredici aziende con l’obiettivo di valorizzare l’identità della Valpolicella e dell’Amarone. 

L’incontro tra Veneto e Toscana

L’associazione, attualmente presieduta da Alberto Zenato, riunisce oggi tredici aziende famigliari che da più generazioni producono in continuità: Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Torre D’Orti, Venturini e Zenato. Insieme a loro, ospiti sulla tavola dell’Antica Bottega del Vino (locale storico nel cuore di Verona proprietà da una decina di anni proprio delle Famiglie), anche tredici produttori di Brunello di Montalcino: Argiano, Biondi Santi, Casanova di Neri, Caprili, Castello Banfi, Col d’Orcia, Le Potazzine, Le Ragnaie, Mastrojanni, Podere Casisano, San Polo, Poggio di Sotto e Val di Cava.

Dalla A alla B: in degustazione 26 grandi rossi del 2010

La degustazione esclusiva dell’annata 2010 denominata “Dalla A alla B” è stata introdotta dal presidente dell’Ais Veneto Marco Aldegheri e dal giornalista Alessandro Regoli, direttore di Winenews. E le ventisei etichette in assaggio hanno messo in evidenza nel bicchiere le grandi capacità dei vitigni che danno origine ad Amarone (Corvina, Rondinella e Molinara soprattutto) e Brunello (Sangiovese) nelle interpretazioni dei singoli produttori non solo delle uve, ma anche del territorio nel suo insieme.

La locandina dell’evento

L’Amarone non è più solo un vino da meditazione

Aldegheri ha smontato lo stereotipo dell’Amarone “rotondo, morbido, alcolico. Non è più questo. «È cresciuto e la preservazione del frutto», ha spiegato il presidente di Ais Veneto, «è l’elemento fondamentale e principale. Spicca poi una speziatura più sofisticata. Oggi è un vino che accompagna bene la cucina e un vino cresce se la cucina del suo territorio cresce!». Una considerazione che ha trovato conferma per i due territori nell’interpretazione di piatti della tradizione (pasta e fagioli con cavolo nero e pane toscano; risotto con Amarone, radicchio e formaggio monte veronese; peposo con polenta morbida) proposti dagli chef Luca Dalla Via, veronese, e Alberto Sabatini, toscano.

Un momento della serata

Brunello e Montalcino, legame indissolubile

«Montalcino non sarebbe Montalcino senza il Brunello e viceversa», ha ricordato Regoli. «Un legame che crea la vera essenza di questo grande rosso», ha concluso. Regoli ha poi raccontato come è nato il mito a metà dell’Ottocento, grazie ai nobili Biondi Santi. E siccome 13 Amarone e 13 Brunello forse non bastavano a dare l’idea di cosa sanno dare i territori, il confronto si è concluso con un brindisi a base di Moscadello di Montalcino. Una vendemmia tardiva di uve omonime che rappresenta un altro esempio della tradizione e della territorialità, già noto e citato nelle cronache del Rinascimento.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/02/2020

Leggi anche ...

Assicurarsi una buona vendemmia
Dall'Italia
Assicurarsi una buona vendemmia

Non solo avversità atmosferiche. Anche errori umani, guast Leggi tutto

Milano Wine Week 2020, una guida ragionata
Dall'Italia
Milano Wine Week 2020, una guida ragionata

Milano Wine Week 2020: dal 3 all’11 ottobr Leggi tutto

Gli altri spumanti: nelle Marche non solo Verdicchio
Dall'Italia
Gli altri spumanti: nelle Marche non solo Verdicchio

Visitiamo le Marche alla ricerca delle zone vocat Leggi tutto