Il caffè, da rito “bevi e fuggi” ad alternativa allo spritz

Il caffè, da rito “bevi e fuggi” ad alternativa allo spritz

Se fino a ieri la liturgia dell’espresso era tutta giocata sulla velocità, oggi i tempi si dilatano. Cresce l’attenzione verso la qualità della materia prima, il tipo di lavorazione, il know how del barista. Dal bancone del bar ci si sposta sul divanetto, favorendo la socialità.

Alla ricerca di un nuovo momento: questa è la vera sfida del caffè in Italia. Probabilmente la più impegnativa del pacchetto di misure contenute nella grande “riforma caffeinica” che è in atto, naturalmente tra le resistenze sanguinose da sempre riservate alle rivoluzioni.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 12/04/2021

Leggi anche ...

French press, la caffettiera a stantuffo da riscoprire
L'altro bere
French press, la caffettiera a stantuffo da riscoprire

Leggi tutto

Che caffè mi consiglia con questo piatto? Gli chef (stellati) arrivano al bar
L'altro bere
Che caffè mi consiglia con questo piatto? Gli chef (stellati) arrivano al bar

Leggi tutto

Caffè: c’era una volta il primato italiano
L'altro bere
Caffè: c’era una volta il primato italiano

Leggi tutto