L'altro bere L'altro bere Luca Giaccone

Birra d’autore, la classe non è acqua

Birra d’autore, la classe non è acqua

Il mercato mondiale resta dominato da prodotti industriali, semplici e immediati. Ma la rivoluzione artigianale ha aperto la strada a etichette dalla forte personalità, con un profilo aromatico e gustativo ricercato 

Se vuoi produrre tanta birra, devi vendere tanta birra. Se vuoi vendere tanta birra, devi farla il più possibile vicina all’acqua!”. Questa frase è di un famoso birraio belga, Jean-Louis Dits della Brasserie à Vapeur, e riassume molto bene un aspetto di fondamentale importanza nello scenario birrario mondiale. In effetti il mercato è dominato da birre molto semplici, facili, con una profondità gustativa quasi nulla, ritenute rassicuranti da una fetta consistente di clienti. Negli Stati Uniti ad esempio, i tre marchi più venduti – Bud Light, Coors Light e Miller Lite – rappresentano più del 36% del mercato interno, per un valore di 4 miliardi di dollari (dati statista.com).

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 17/09/2021

Leggi anche ...

Distilleria Radaelli: Esino,  l’Amaro del parroco
L'altro bere
Distilleria Radaelli: Esino, l’Amaro del parroco

Leggi tutto

IWA 5, il sake di Richard Geoffroy al debutto in Italia
Dal mondo
IWA 5, il sake di Richard Geoffroy al debutto in Italia

Leggi tutto

È arrivata la stagione del sidro
Dal mondo
È arrivata la stagione del sidro

Leggi tutto