L'altro bere L'altro bere Luca Giaccone

Birra d’autore, la classe non è acqua

Birra d’autore, la classe non è acqua

Il mercato mondiale resta dominato da prodotti industriali, semplici e immediati. Ma la rivoluzione artigianale ha aperto la strada a etichette dalla forte personalità, con un profilo aromatico e gustativo ricercato 

Se vuoi produrre tanta birra, devi vendere tanta birra. Se vuoi vendere tanta birra, devi farla il più possibile vicina all’acqua!”. Questa frase è di un famoso birraio belga, Jean-Louis Dits della Brasserie à Vapeur, e riassume molto bene un aspetto di fondamentale importanza nello scenario birrario mondiale. In effetti il mercato è dominato da birre molto semplici, facili, con una profondità gustativa quasi nulla, ritenute rassicuranti da una fetta consistente di clienti. Negli Stati Uniti ad esempio, i tre marchi più venduti – Bud Light, Coors Light e Miller Lite – rappresentano più del 36% del mercato interno, per un valore di 4 miliardi di dollari (dati statista.com).

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 17/09/2021

Leggi anche ...

Birra, si fa presto a dire Sour
L'altro bere
Birra, si fa presto a dire Sour

Leggi tutto

Erba Volant: il segreto dell’Amaro Succi è il cardo gobbo
L'altro bere
Erba Volant: il segreto dell’Amaro Succi è il cardo gobbo

Leggi tutto

La geopolitica in una tazzina di caffè
L'altro bere
La geopolitica in una tazzina di caffè

Leggi tutto