Scienze Scienze Riccardo Oldani

Microrganismi “buoni” per un vino migliore

Microrganismi “buoni” per un vino migliore

Da sempre batteri e lieviti sono usati nell’industria alimentare per attivare fermentazioni e conferire qualità agli alimenti. Oggi però la ricerca studia come contribuiscono a creare veri e propri ecosistemi viventi, capaci di bloccare lo sviluppo di sostanze nocive o di difetti. Anche nel vino.

L’impiego di microrganismi “buoni” in campo alimentare è una pratica consolidata ma anche in continua evoluzione. Non parliamo di lieviti o muffe, che i maestri di cantina hanno imparato a padroneggiare da secoli. Ci riferiamo soprattutto ai batteri, a cui spesso si attribuisce un’azione negativa, ma che sempre di più dimostrano invece caratteristiche sorprendenti.

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 24/02/2022

Leggi anche ...

Quando i tannini si aggiungono in cantina. Lo studio dell’Università di Torino e Logroño
Scienze
Quando i tannini si aggiungono in cantina. Lo studio dell’Università di Torino e Logroño

Leggi tutto

Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto
Premium
Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto

Leggi tutto

Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B
Premium
Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B

Leggi tutto