Dall'Italia Dall'Italia Civiltà del bere

Una partita con papà. Masciarelli per i diritti dei Bambinisenzasbarre

Una partita con papà. Masciarelli per i diritti dei Bambinisenzasbarre

Si rinnova l’impegno dell’azienda a fianco dei minori con un nuovo progetto legato al suo Abruzzo Pecorino Doc Castello di Semivicoli 2019. Il ricavato sostiene la Partita con papà di Bambinisenzasbarre.

Anche quest’anno Masciarelli Tenute Agricole rinnova l’impegno a favore dei diritti dell’infanzia con un progetto a fianco di Bambinisenzasbarre, Onlus che dal 2002 si impegna a tutelare il diritto dei bambini figli di carcerati al rapporto con il genitore detenuto. L’iniziativa di legare uno dei vini Masciarelli a una causa benefica è stata inaugurata nel febbraio 2017 con il sostegno al Progetto Noemi, cui sono seguite la Cooperativa Sociale Kaleidos nel 2018 e Il Giardino Segreto nel 2019.

Il progetto Bambinisenzasbarre

In Italia ci sono circa 100 mila bambini che rischiano di perdere il rapporto con i genitori in carcere. Masciarelli ha deciso di sostenere Bambinisenzasbarre devolvendo il 5% dei ricavi delle vendite del suo Pecorino Castello di Semivicoli 2019 per realizzare l’annuale Partita con papà che si svolgerà a dicembre in 68 carceri italiane, da Belluno a Palermo.

Una delle partite con papà promosse dall’associazione Bambinisenzasbarre

Una partita con papà: l’evento in tutta Italia

L’iniziativa permetterà ai detenuti di giocare una partita a calcio con i loro figli, condividendo un momento di normalità e vicinanza nonostante la detenzione. La Partita con papà coinvolge almeno 2.800 bambini e 1.700 genitori, insieme agli agenti della polizia penitenziaria e agli educatori. Nata nel 2015, rappresenta una preziosa occasione di sensibilizzazione sui diritti dei figli dei carcerati e sulla lotta all’emarginazione.

Il Pecorino Castello di Semivicoli di Masciarelli
Il Pecorino Castello di Semivicoli di Masciarelli

Il vino benefico: Pecorino Abruzzo Doc Castello di Semivicoli

Il Pecorino Castello di Semivicoli nasce nei vigneti che circondano l’omonimo Castello a Casacanditella, in provincia di Chieti. Un bianco versatile e dai grandi contrasti; le note aromatiche vanno dal balsamico, alla salvia, al timo, al caprifoglio e alle erbe di montagna, ma presenta anche sentori di pera, mela secca, scorza di limone. Croccante e profumato, si abbina con aperitivi, antipasti, pesce e formaggi. La nuova annata 2019 è resa unica dall’etichetta che riporta il disegno realizzato da un bambino seguito dall’associazione.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 09/02/2020

Leggi anche ...

Ornellaia 2017, la Vendemmia d’artista è Solare
Dall'Italia
Ornellaia 2017, la Vendemmia d’artista è Solare

Si chiama “Solare” e porta la firma dell’eclettico Leggi tutto

Cusumano portabandiera dell’Etna con il progetto Alta Mora
Dall'Italia
Cusumano portabandiera dell’Etna con il progetto Alta Mora

Cusumano è fra i produttori che negli ultim Leggi tutto

A Benvenuto Brunello la 2015 non delude (e la 2019 fa sognare)
Dall'Italia
A Benvenuto Brunello la 2015 non delude (e la 2019 fa sognare)

Festa doppia a Montalcino per la 28esima edizion Leggi tutto