Premium Premium Roger Sesto

Resistenza! Capitolo 5: cade un tabù e nascono i vitigni resistenti Piwi

Resistenza! Capitolo 5: cade un tabù e nascono i vitigni resistenti Piwi

Gli ibridi da Vitis vinifera x vite americana sono vitigni resistenti alle malattie che limitano fino all’85% l’utilizzo di zolfo e rame in vigna. Aumentano gli studi e le applicazioni pratiche e per molti è arrivato il momento di farli entrare nei disciplinari Doc e comunicarli al meglio.

L’articolo fa parte della Monografia “Resistenza!”
(Civiltà del bere 1/2021)

Per combattere le principali malattie della vite, oidio e peronospora, il protocollo bio prevede l’uso di rame e zolfo. Ma, abusando di queste sostanze, si rischia di avere un loro accumulo nel terreno. Se si riuscisse a trovare la soluzione per farne a meno? Ed ecco che entrano in scena i vitigni ibridi, detti Piwi, dal tedesco pilzwiderstandfähig (resistente ai funghi). Varietà ottenute tramite impollinazione tra Vitis vinifera e vite americana che, ibridazione dopo ibridazione, si è scoperto essere capaci di opporsi in modo naturale alle malattie fungine. Tale loro peculiarità consente di limitare i trattamenti con rame e zolfo a due-quattro l’anno, con un netto beneficio in termini di impatto ambientale. Peccato che, nonostante siano stati approvati da alcuni anni, e un discreto numero di essi sia già stato iscritto nel Registro nazionale delle varietà di vite, siano ancora poco impiegati.

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 24/03/2021

Leggi anche ...

Gli interpreti del vino naturale in Sicilia: Marsala e Pantelleria
Dall'Italia
Gli interpreti del vino naturale in Sicilia: Marsala e Pantelleria

Leggi tutto

Non si vive di solo export
Dall'Italia
Non si vive di solo export

Leggi tutto

Atlante del vino 2021: la Calabria
Dall'Italia
Atlante del vino 2021: la Calabria

Leggi tutto