Quattro sono le vie del Genepy Saint Roch

Quattro sono le vie  del Genepy Saint Roch

Nasce dall’omonima erba di montagna della famiglia delle Artemisie ed è il fiore all’occhiello dell’azienda valdostana. il Genepy Saint Roch è prodotto con tecniche antiche per macerazione, infusione e distillazione delle parti fiorite della pianta.

Chi conosce la montagna anche semplicemente da turista ha certamente avuto occasione di assaggiare il genepy o genepì. L’erba che dà vita a questo liquore, l’Artemisia genepy, nasce lungo l’intero arco alpino tra i 1500 e i 2000 metri di altitudine, e tuttavia la sua lavorazione più nota è in Valle d’Aosta. A Quart, poco fuori dal capoluogo regionale, le Distillerie Saint Roch hanno fatto di quest’erba dalle proprietà digestive e tonificanti un punto di forza della loro produzione.

Piantine di Artemisia Umbelliformis

Quattro tipologie dello stesso liquore dal carattere ben definito

E oggi realizzano quattro tipologie del noto liquore, ognuna dal carattere distinto, utilizzando sia varietà diverse sia tecniche differenti, che vengono combinate fra loro. La pratica più antica prevede la macerazione in alcol di parti fiorite secche. Dopo 90-120 giorni si filtra il tutto e si aggiunge uno sciroppo di acqua e zucchero. Un altro metodo consiste nel distillare la macerazione: in questo caso il prodotto sarà secco e veicolerà profumi più intensi e concentrati. C’è poi il sistema per sospensione: si riempie a metà una botte d’alcol e si dispone una rete a una certa distanza, sopra a cui si spargono i fiori. Si chiude la botte e dopo 90-120 giorni si raccoglie l’alcol che ha estratto i principi attivi, per poi aggiungervi lo sciroppo.

Nicola Rosset

Da erba curativa a liquore intenso

All’origine di questa tecnica sembra esserci la mentalità contadina di riutilizzare i fiori. Questa pianta è sempre stata considerata da chi vive in montagna un’erba in grado di curare molti mali. In passato la sua raccolta era particolarmente faticosa anche perché i quantitativi erano pochi, oggi invece la specie è protetta e la raccolta regolamentata. La maggior parte delle coltivazioni fa capo alla varietà Artemisia umbelliformis o bianca o femmina e Saint Roch è la più grande raccoglitrice in Valle.
«Abbiamo voluto mantenere la tradizione del genepy nell’Elixir Centenario Ottoz, usando solo la varietà Artemisia genepy e l’antica tecnica della macerazione», racconta Nicola Rosset, presidente di Saint Roch, «ma ci tenevamo a far conoscere anche altre versioni di questa piantina».

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 1/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 19/02/2019

Leggi anche ...

Milano Sake Challenge: al via la prima edizione
L'altro bere
Milano Sake Challenge: al via la prima edizione

Lunedì 11 novembre a Milano debutta il primo Leggi tutto

Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto
L'altro bere
Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto

Il liquore della tradizione mitteleuropea ha trovato una Leggi tutto

Indipendente Artigianale, il primo marchio a tutela della birra artigianale italiana
Dall'Italia
Indipendente Artigianale, il primo marchio a tutela della birra artigianale italiana

Unionbirrai ha voluto creare è uno strumento per Leggi tutto