Scienze Scienze Riccardo Oldani

“Minibocche” per scoprire i difetti in cantina

“Minibocche” per scoprire i difetti in cantina

Nuovi sensori nanotecnologici, che usano come rilevatori proteine della saliva umana, sono in grado di capire se, già durante le prime fasi dell’affinamento, un vino è astringente, cioè produce quel senso di secchezza della lingua e del palato determinato da un eccesso di tannini e di polifenoli.

ASSAGGI NANOTECNOLOGICI – I sensori sono stati sviluppati dall’Università di Aarhus in Danimarca, per dare ai produttori uno strumento efficace nel controllo della produzione, utile per scegliere le adeguate contromisure, in presenza di difetti. I nanosensori, che funzionano come vere e proprie “minibocche”, hanno però anche un’utilità scientifica, perché possono aiutarci a capire meglio i meccanismi che producono la sensazione di astringenza nella nostra bocca.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 26/02/2015

Leggi anche ...

Affinamenti spaziali: vino e alcolici in orbita
Dal mondo
Affinamenti spaziali: vino e alcolici in orbita

Il futuro della viticoltura è nello spazio? Fors Leggi tutto

Quali sono i vitigni più richiesti sul mercato delle barbatelle
Dall'Italia
Quali sono i vitigni più richiesti sul mercato delle barbatelle

Per poter competere, la soluzione non è ridurr Leggi tutto

Combattere l’erosione del suolo nei vigneti: il progetto a Soave
Dall'Italia
Combattere l’erosione del suolo nei vigneti: il progetto a Soave

Monitorare e contrastare l’erosione del suolo nei vignet Leggi tutto