Dal mondo Dal mondo Luca Giaccone

In Germania le classiche lager e Pils sanno anche osare

In Germania le classiche lager e Pils sanno anche osare

Con 93 milioni di ettolitri prodotti, il Paese è in testa alle classifiche. La cultura brassicola da un lato è radicata nella tradizione, dall’altro guarda a nuove varietà di luppolo, passaggi in legno e collaborazioni con l’estero.

La Germania si definisce senza mezzi termini la patria della birra. In particolare la Baviera – il land più grande ed economicamente importante – è profondamente legata alla storia, alle tradizioni e alla produzione della bevanda di Cerere. In effetti i dati pubblicati da The Brewers of Europe (Beer statistics 2018 edition) confermano, da molti punti di vista, il primato tedesco sugli altri Paesi europei.

I numeri del fenomeno

A livello produttivo la Germania surclassa la concorrenza con 93 milioni di ettolitri: gli altri due Paesi europei di grande tradizione – Regno Unito e Belgio – si fermano rispettivamente a poco più di 40,5 e 20,6, mentre l’Italia segue con circa 15 milioni. Anche rispetto ai consumi la Germania, con i suoi 101 litri annui pro capite, è in testa alle classifiche, battuta soltanto dall’inarrivabile Repubblica Ceca (138 litri). Gli altri Paesi sono lontani: Belgio 68 litri, Regno Unito 67, Italia 32 (il nostro però è l’unico dato in crescita, mentre tutti gli altri sono in calo). Circa il 17% della produzione tedesca è esportata all’estero, per un totale di 15,7 milioni di ettolitri, un dato secondo solo al Belgio (15,8), ma decisamente superiore rispetto a Regno Unito (5,6) e Italia (2,8).

L’Ocktoberfest di Monaco, celebre evento brassicolo

La nostra idea di birra è tedesca

I dati statistici non stupiscono, perché è noto universalmente quanto l’immagine della Germania sia fortemente legata alla birra e alla sua cultura. Nel bene e nel male l’impronta tedesca è evidente nella maggioranza di birrifici al mondo. L’idea stessa – stereotipata – di birra che tutti abbiamo (bionda, circa 5 gradi, da bere “bella fresca”) è, almeno parzialmente, responsabilità della cultura brassicola tedesca.

Perché scegliere la bassa fermentazione

La Germania ha infatti esercitato, negli ultimi due secoli, un ruolo fondamentale nella diffusione e nella definizione di un’idea produttiva ben precisa: ad esempio nella scelta della bassa fermentazione, che oggi rappresenta circa il 90% della produzione mondiale. Le tracce storiche della distinzione tra due tipi differenti di fermentazione – quelle che oggi chiamiamo “basse” e “alte”, ovvero lager e ale – sono molto antiche. Troviamo fonti scritte medioevali, che precedono l’invenzione della stampa a caratteri mobili.

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 2/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag:

Leggi anche ...

Chris Yorke alla guida dell’Austrian Wine
Dal mondo
Chris Yorke alla guida dell’Austrian Wine

Sarà l’inglese Chris Yorke a guidare dal prossimo Leggi tutto

Sound sommelier vol.4, il vino si può ascoltare
Dall'Italia
Sound sommelier vol.4, il vino si può ascoltare

Il vino? Si può ascoltare. Paolo Scarpellini (class Leggi tutto

M de Minuty by Ruby Taylor, stile provenzale in limited edition
Dal mondo
M de Minuty by Ruby Taylor, stile provenzale in limited edition

Il rosé provenzale M de Minuty – cuvé Leggi tutto