DWWA / day 4. Decidere per il consumatore è possibile o utopico?

DWWA / day 4. Decidere per il consumatore è possibile o utopico?

L’ultima giornata di assaggi nei Tobacco Docks di Londra. Mentre l’Italia festeggiava il 1° maggio noi si lavorava per il bene pubblico… o più modestamente per gli appassionati di vino nel mondo. Da qui parte la prima considerazione conclusiva, che scaturisce sempre al termine dei concorsi enologici o dei panel di degustazione. Quando giudichiamo a chi dovremmo pensare? A noi stessi, e segnalare ciò che ci piace, o astrarre una parte di noi e attribuire medaglie pensando al consumatore “ideale”, diciamo “medio”?

dwwatobacco-fbCOME SI VALUTA QUI – Esempio: un Syrah siciliano, entry level, destinato agli scaffali della grande distribuzione, come lo giudicherò se non amo chi usa uve internazionali? E se preferisco i vini un po’ chiusi, sussurrati, diciamo europei e questo si presenta decisamente “internazionale”, intenso e fruttato? Quante volte in un panel ci troviamo dinnanzi a questi dubbi… L’esperienza dei Decanter World Wine Awards però è stata positiva: in piccole squadre di quattro persone ci siamo confrontati apertamente, e al termine di ogni batteria è stato possibile attribuire una valutazione non tanto media (che livellerebbe il tutto), quanto condivisa, dove talvolta l’uno talvolta l’altro di noi hanno abbassato la guardia e compreso le ragioni degli altri. In certi casi abbiamo anche lottato per difendere la nostra causa.

GLI ULTIMI CAMPIONI ALLA PROVA – Venendo all’ultimo giorno di tasting, abbiamo affrontato alcuni bianchi e rossi Terre Siciliane Igt, Salice Salentino Doc e un gruppo misto dalla Calabria, il quale è andato davvero bene, con 3 argenti, 3 bronzi e 4 menzioni su 12 vini. I miei preferiti: un Gaglioppo 80% e Magliocco dolce 20%, nella fascia di prezzo sotto le 14,99 sterline e un Gaglioppo 80% e Cabernet Sauvignon 20% nella fascia premium sotto i 29,99. Dalla Puglia, la Doc Salice Salentino ha riscosso buoni consensi (2 argenti, 4 bronzi, 2 menzioni su 12 vini) e il mio punteggio più alto in assoluto in quattro giorni di assaggi: un 98/100 a un Negroamaro 80% e Malvasia nera 10%, nella fascia sotto i 14,99 con un residuo zuccherino piuttosto sostenuto, ma ottimamente bilanciato dalla freschezza e dal tannino. Infine la Sicilia: tra i bianchi di facia medio-alta, due argenti sono stati attribuiti a un Grillo 60% – Viognier 40% e a un Grillo 60% – Zibibbo 40%, entrambi sotto i 29,99 pound, cari per la tipologia, ma intensi, tipici, mediterranei.

Ora attendiamo che siano tolte le maschere e svelati i vini, nome e cognome, per congratularci con chi ha affrontato una prova così selettiva, e vinto.

Leggi il resoconto degli altri giorni ai Decanter World Wine Awards: day 1, day 2, day 3.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 05/05/2014

Leggi anche ...

Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano
Dall'Italia
Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano

Siglato un importante accordo fra Masi Agricola Leggi tutto

Chablis esclusa dalla Borgogna? L’Inao fa dietrofront
Dal mondo
Chablis esclusa dalla Borgogna? L’Inao fa dietrofront

Come la prendereste se vi dicessero che Chablis Leggi tutto

Il successo virale del Malbec (non solo in Argentina)
Dal mondo
Il successo virale del Malbec (non solo in Argentina)

In Sud America ci sono almeno tre vitign Leggi tutto