Dall'Italia Dall'Italia Roger Sesto

Domenico Adanti: tradizione e rispetto del vitigno

Domenico Adanti: tradizione e rispetto del vitigno

Annate storiche di vini mitici (17): Umbria II parte

La Casa vinicola di Bevagna nasce negli anni Settanta, con l’acquisto della villa secentesca di Arquata e dei terreni circostanti da parte di Domenico Adanti. Nel 1977 entra in azienda lo stilista Alvaro Palini, che diventa l’anima della Cantina. Oggi le vigne, allevate a cordone speronato e Guyot, insistono su 30 ettari, pari a una produzione di 200.000 bottiglie.

Vigneto principe è l’Arquata, posto su un poggio assolato e ventilato a 250 metri sul livello del mare; i terreni compatti argilloso-calcarei, danno vini strutturati e fruttati da giovani. Il Montefalco Sagrantino che ne deriva fermenta con lieviti indigeni, macerazioni oltre i 30 giorni, affinamenti di 36 mesi in tonneau e maturazione in vetro fino a 24 mesi. Armonia, eleganza, bevibilità e longevità rappresentano lo stile Adanti, delineato rispettando il vitigno e grazie al pedoclima. Una longevità che Adanti ha “sfruttato” per costituire in cantina un importante archivio storico di annate di Montefalco Sagrantino, sia per seguirne l’evoluzione, sia per la messa a listino delle annate top.

Fra i millesimi in archivio, da citare il “paradigmatico” 1985, ancora perfetto, dalle suadenti note terziarie, tannini vellutati e retti da una spina acida impressionante; il 1993, una buona annata, per un vino pieno, concentrato, persistente, reso morbido dal tempo, speziato di pepe e vegetale di tabacco, legno di cedro, frutta secca; il 1995, ottima edizione ancora in crescita. Al naso emergono aromi di cassis, pepe nero, balsamo e rabarbaro; profondo, elegante, molto fresco il 1998, importante, un nettare strutturato e complesso, ancora chiuso e tannico, con ricordi di sottobosco, terriccio, grafite, erbe officinali; il 1999, con le note di eucalipto, cuoio, frutti neri e tannini setosi retti da un finale molto fresco, esempio di Sagrantino piacevole, più pronto del precedente. Il 2000, annata calda e asciutta che ha portato a un vino potente, strutturato, dolce di frutto, dai tannini ormai quasi rotondi; il 2001, vendemmia strepitosa per un vino fresco e concentrato, speziato, con ricordi di radici e frutti rossi, lungo, morbido, dal grande potenziale evolutivo; al suo debutto, il Montefalco Sagrantino “il Domenico” 2005 si presenta eccellente in prospettiva, con aromi di macchia mediterranea e piccoli frutti, dagli eleganti e fitti tannini, fresco e persistente.

Tag: , ,

Leggi anche ...

VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare
Dall'Italia
VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare

Siamo alla dodicesima edizione di VinoVip Cortina, la Leggi tutto

Dove cenare a Trieste. Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Trieste. Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

Debutto in bianco per il progetto Musivum di Mezzacorona
Dall'Italia
Debutto in bianco per il progetto Musivum di Mezzacorona

Assaggiamo in anteprima assoluta i primi due vin Leggi tutto