Dall'Italia Dall'Italia Roger Sesto

Vitigni autoctoni in Sardegna, custodi di biodiversità

Vitigni autoctoni in Sardegna, custodi di biodiversità

L’isola è come un enorme giardino botanico a cielo aperto. Tante le cultivar indigene: dal Bovale al Monica, al Nuragus, fino alle meno note Nieddera e Caddiu. La lungimiranza dei produttori che hanno investito sul patrimonio dei vitigni autoctoni in Sardegna.

La Sardegna è tra le regioni italiane a presentare il più alto tasso di biodiversità ampelografica. Si poteva pensare che Toscana e Campania fossero irraggiungibili da questo punto di vista, ma l’isola ha in parte smentito questo pregiudizio, offrendo un’enorme varietà ampelografica. Ciò ha condotto giocoforza a una selezione, da parte nostra, dei vitigni autoctoni sardi di cui qui parleremo, a discapito di altre che avrebbero meritato un loro spazio, come il rarissimo Girò, il Semidano, la Malvasia di Sardegna e altre ancora.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/11/2020

Leggi anche ...

In arrivo il robot quadrupede che pota le viti
Dall'Italia
In arrivo il robot quadrupede che pota le viti

Leggi tutto

Gli altri spumanti. L’esordio del Lazio
Dall'Italia
Gli altri spumanti. L’esordio del Lazio

Leggi tutto

Atlante del vino 2021: l’Emilia Romagna
Dall'Italia
Atlante del vino 2021: l’Emilia Romagna

Leggi tutto