Food Food Valentina Vercelli

Vino e cucina veneta tradizionale, una sfida avvincente

Vino e cucina veneta tradizionale, una sfida avvincente

Come dialogano i piatti più tradizionali della cucina veneta con il vino? Lo abbiamo chiesto a Filippo Caporello, direttore di sala del ristorante Incàlmo di Este (Padova), che ci ha suggerito sia etichette regionali sia vini italiani ed esteri per abbinamento.

«La cucina veneta è una cucina povera, con poche contaminazioni, che sfrutta il territorio ricco e generoso», premette Filippo Caporello. «Una cucina sostanziosa, che ha origine da una forte tradizione rurale e contadina, per gente che è sempre stata abituata a lavorare».

Alla ricerca di abbinamenti non scontati

Ha sapori forti, netti, inequivocabili, che si fissano nella memoria di chi li prova. L’abbinamento con il vino non è così scontato: «La mia passione mi porta a rifuggire gli accostamenti più didattici per cercare, con coraggio, l’accoppiata davvero vincente».

A ogni ricetta il suo vino

Foto di GhePeU

Polenta e sopressa

«Tipicissima delle nostre zone, la sopressa è un salume, arricchito da spezie e aglio, che può essere servito anche cotto, dopo un breve passaggio in griglia. Con la polenta, c’è il contrasto tra la morbidezza e la dolcezza della crema di mais e la grassezza, unita a una punta di acidità della sopressa. I migliori abbinamenti regionali sono con il Raboso Rosato Metodo Charmat, fresco e acido, che pulisce la bocca. Oppure, restando in Veneto, mi piace molto anche l’accostamento con un bianco come il Terralba di Baone, blend di Chardonnay, Riesling e Tai, prodotto da Il Filò delle Vigne nei Colli Euganei. Fuori regione, invece, mi piace abbinare un Lambrusco, sempre insuperabile con i salumi, oppure uno Champagne Blanc de Noirs o comunque con una prevalenza di uve a bacca rossa».

Foto di Ilaria 22

Risi e bisi

«Un piatto tra il risotto e la minestra, delicato e quasi dolce grazie ai piselli freschi. Abbinerei una Garganega in purezza della zona del Soave, caratterizzata da terreni vulcanici e minerali. A ridosso tra Veneto e Lombardia, andrei a scegliere tra i vini della Doc “confinante” Lugana, cercando un bianco fresco e giovane».

Bigoli al ragù d’anatra

«Saliamo di gusto con questo piatto deciso e pieno di carattere, che vuole un rosso di pari caratteristiche. Lo possiamo trovare in un Valpolicella, con le sue note tipiche, fresche e fruttate, complesso nella sua semplicità. Chiude con una nota tannica che pulisce la bocca e la prepara per il successivo boccone. Fuori dal Veneto, sta molto bene anche un Nebbiolo delle Langhe, asciutto, snello e tannico».

Foto di ezioman

Sarde in saòr

«È un piatto della tradizione veneziana, civiltà abituata ai viaggi, ai commerci verso l’oriente e quindi anche a sistemi di conservazione degli alimenti, come il “saòr“. Non è un abbinamento facile, ma restando sul territorio, dico che il Trebbiano di Soave si sposa perfettamente, soprattutto quando è prodotto da una vigna vecchia, con radici ben radicate nei terreni minerali e vulcanici. Fuori regione, c’è un ottimo alleato nelle Marche, con il Verdicchio dei Castelli di Jesi, un bianco di grande sapidità e struttura, ancora meglio se affinato in legno».

Baccalà alla vicentina

«Il baccalà alla vicentina è una ricetta che risale alla prima metà del Quattrocento. Ricca, complessa e con molti ingredienti come lo stoccafisso, le sarde, il formaggio, il grana, il latte… A sorpresa, si può accompagnare anche con un rosso, come un Cabernet Franc. Tra i bianchi, invece, ci vedo bene un siciliano, blend di Viognier e Insolia, o un piemontese, come il Roero Arneis, secco e minerale».

Foto di Donnafugata

Fegato alla veneziana

«Qui opto per una scelta azzardata, anche in omaggio al fatto che in origine questa ricetta prevedeva i fichi al posto delle cipolle. Suggerisco l’abbinamento con una Garganega passita, un vino dolce all’ingresso ma fresco e asciutto come sensazione finale. È un pairing che ha molto sorpreso i commensali a cui l’ho proposto, non ci avrebbero scommesso per niente. In alternativa, ci vedo bene un Riesling della Mosella, con residuo zuccherino e una forte nota di idrocarburo all’olfatto che in bocca si trasforma in una sensazione dolce con punte citriche».

I consigli di Civiltà del bere

Il Filò delle Vigne – Terralba di Baone, Veneto Igt 2019 (Viniwines.com, 12,20 euro)

Champagne Bedel – Origin’Elle, Champagne Brut Aoc 2010 (Enoluogo, 60 euro)

Inama –Vin Soave, Soave Classico Doc 2019 (callmewine, 12 euro)

Patrizia Cadore – Lugana Doc 2019 (Italvinus, 11 euro)

Secondo Marco – Valpolicella Classico Superiore Doc 2016 (Enoluogo,20 euro)

Pio Cesare- Nebbiolo Langhe Doc 2017 (Callmewine, 19 euro)

Suavia – Massifitti, Veronese Igt 2017 (Xtrawine.com, 10, 53 euro)

Fattoria Coroncino – Gaiospino, Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Doc 2018 (Galli Enoteca, 20 euro)

Marco Porello  – Roero Arneis Docg 2019 (Callmewine, 9 euro)

Barollo – Frank, Cabernet Franc Veneto Igt 2015 (Enoluogo 18 euro)

Meggiolaro – Maestà, Garganega Passita Veneto Igt 2018 (Vinoir, 19 euro)

Weingut Molitor – Piesporter Goldtropfchen Riesling Spatlese Minheim – Piersport (Mosel) 1999 (Meteri, 34,80)

Filippo Caporello

Filippo Caporello

Veneto Doc, nato a Padova, ha da sempre due grandi passioni che hanno segnato anche il suo percorso lavorativo. È un amante degli orologi di alta gamma, ha lavorato a lungo nel mondo del lusso per aziende come Rocca, Bulgari e Vhernier, dove ha imparato l’accoglienza, l’attenzione al cliente e la customizzazione del servizio. Nel 2005, il piacere della tavola e del vino lo hanno fatto entrare nel mondo della ristorazione, come direttore di sala, ruolo che ricopre da febbraio 2020 per il ristorante Incàlmo di Este (Padova).

#WinePairing: scopri gli altri consigli di abbinamento cibo-vino

leggi qui +

Tag: , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 01/12/2020

Leggi anche ...

Vino e cucina del Friuli Venezia Giulia, viaggio al confine dei sapori
Food
Vino e cucina del Friuli Venezia Giulia, viaggio al confine dei sapori

Terra di passaggio che riunisce la tradizione mediterranea, Leggi tutto

Salumi italiani, il gusto di un’arte antica
Food
Salumi italiani, il gusto di un’arte antica

Il maiale è il protagonista principale della produzion Leggi tutto

Vino e cucina di pesce, che cosa abbinare ai grandi classici
Food
Vino e cucina di pesce, che cosa abbinare ai grandi classici

Non solo bianchi e bollicine: con i piatt Leggi tutto