Food Food Civiltà del bere

Vin al Vun: il nuovo club esclusivo al Park Hyatt

Vin al Vun: il nuovo club esclusivo al Park Hyatt

Se in tempo di crisi la gente risparmia anche sul cibo, c’è invece chi naviga sempre nel lusso, indipendentemente da come se la passi il resto dell’umanità. Così sta per nascere un club super esclusivo al Park Hyatt di Milano, dedicato ai facoltosi amanti dell’eccellenza enogastronomica: Vin al Vun.

DEGUSTAZIONI ELITARIE – Nato in collaborazione con Francois Mauss, presidente de Le Grand Jury Europeen, il club prevede un massimo di 32 membri: i ricchi affiliati potranno partecipare a un ciclo di serate dedicate a vini eccezionali selezionati da Mauss, abbinati ai piatti ricercati di Andrea Aprea, executive chef al Vun (ristorante del Park Hyatt). Altro privilegio riservato ai membri del Vin al Vun è la possibilità di conservare i propri vini nella nuova cantina a vista del locale, facendoli servire all’occorrenza ai propri ospiti.

Le tre annate in degustazione di La Tâche, Domaine de La Romanèe-Conti (1996, 2001 e 2009)

IL TEMA: MOSELLA E BORGOGNA – Inaugura il programma la serata di giovedì 4 ottobre, dal titolo “Mosella e Borgogna, due grandi regioni di vini d’eccellenza”, che vedrà intervenire, insieme a Francois Mauss, Ernst Loosen dell’omonima azienda vinicola ed Enzo Vizzari, direttore delle Guide dell’Espresso. A questo primo evento, dal costo di 350 euro, seguirà un secondo appuntamento martedì 13 novembre, dedicato ai rossi del Piemonte e al tartufo bianco d’Alba, con una sopresa francese.

CALICI E PIATTI IN MENU – Il 4 ottobre, dalle ore 20, il Vin al Vun propone in degustazione: Champagne Krug (con culatello “Spigaroli” e Ostrica, rafano, cetriolo, lime abbinato ad Alice fritta con ricotta di bufala); Ernst Loosen Ürziger Würzgarten Riesling Grand Cru old Vines 2008 e 2010 (con Il dolce e salato della caprese e Riso acquerello, limone sfusato, rosmarino, scampi, capperi); Domaine de La Romanèe-Conti, La Tâche 1996, 2001 e 2009 (con Piccione “petto e coscia”, torta di pesche, primo sale, anice); infine, un vino a sorpresa di Ernst Loosen (con Rabarbaro, biscotto all’olio d’oliva, cioccolato bianco, arachidi).

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 04/10/2012

Leggi anche ...

I ristoranti di Civiltà del bere: Berton, Milano
Food
I ristoranti di Civiltà del bere: Berton, Milano

Leggi tutto

Formaggi d’Italia: dalla provincia di Vibo Valentia l’eccellenza del Pecorino del Monte Poro
Food
Formaggi d’Italia: dalla provincia di Vibo Valentia l’eccellenza del Pecorino del Monte Poro

Leggi tutto

I ristoranti di Civiltà del bere: Roteo, Sala Comacina (Co)
Food
I ristoranti di Civiltà del bere: Roteo, Sala Comacina (Co)

Leggi tutto