In Italia In Italia

Pigato, Ormeasco e Massimo Lupi all’enoluogo

Pigato, Ormeasco e Massimo Lupi all’enoluogo

La Liguria di Massimo Lupi è arrivata a Milano all’enoluogo di Civiltà del bere. Ieri sera il produttore di Pieve di Teco (Imperia), considerato uno tra i più innovativi della sua regione, ha presentato a una trentina di appassionati, giornalisti e addetti ai lavori le sue due punte d’eccellenza: Vignamare, il Pigato delle Colline Savonesi annata 2006 e l’Ormeasco Le Braje, Ormeasco di Pornassio Superiore Doc, sempre annata 2006. Ma prima di raccontare i suoi vini Lupi ha voluto condividere con i presenti quella che è la sua concezione del vino: «È un bellissimo accompagnatore della vita».

lupi 2

Il Vignamare è nato per iniziativa del padre di Massimo che desiderava dar vita a un bianco longevo

Calice alla mano è cominciata la degustazione del primo vino, il Pigato. «Questo bianco è nato nel 1988 da mio padre che desiderava dar vita a un vino longevo; in quegli anni erano pochi, pochissimi i bianchi da invecchiamento. Si bevevano solo bianchi giovani», ha spiegato Lupi. «Dell’annata in questione, la 2006 mi sono rimasti pochissimi esemplari e solamente in formato Magnum. Il vino affina per il 15% in barrique e per la parte restante in acciaio; trascorre inoltre 24 mesi sui lieviti». Gli viene chiesto quanto può essere lunga la vita di questo vino e Lupi risponde: «Certamente può superare in tutta tranquillità i 15 anni». Vignamare nasce da una vigna di 55 anni a 15 metri sul livello del mare e da piante che hanno una resa di 65 quintali di uva per ettaro (decisamente più bassa rispetto al disciplinare che ne consentirebbe fino a 120).

lupi 3

All'incontro hanno partecipato una trentina di persone tra appassionati, giornalisti e addetti ai lavori

Il secondo vino in questione è stato l’Ormeasco Le Braje. «Il termine ligure, ma di derivazione longobarda, determinava gli appezzamenti di terreno dati a chi li aveva in gestione. Nel linguaggio dialettale locale designa anche i posti più assolati durante l’inverno», ha detto Massimo Lupi. Il vino affina per 23 mesi in legno vecchio e ha una piacevolezza molto interessante. Al termine dell’incontro l’ultima Magnum di Pigato, a grande richiesta dei presenti e per concessione del produttore, è andata all’asta. Partita da una base di 40 euro, il suo valore è salito a 80 e il Pigato è finito con grande soddisfazione, tra le mani di Daniele Paietti.

Per informazioni sulla possibilità di organizzare incontri all’enoluogo: Agnese Pellucci, 02.76.11.03.03, pellucci@civiltadelbere.com

L’enoluogo: via Palestrina 12, angolo viale Andrea Doria – Milano, Tel. 02.91.32.44.62, enoluogo@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 14/07/2011

Leggi anche ...

Il Tignanello come paradigma del vino italiano  
In Italia
Il Tignanello come paradigma del vino italiano  

Leggi tutto

La eno-gioventù: Eleonora Bianchi e Terre d’Aenòr, c’è del nuovo in Franciacorta
In Italia
La eno-gioventù: Eleonora Bianchi e Terre d’Aenòr, c’è del nuovo in Franciacorta

Leggi tutto

Cosa resta dell’ultimo Vinitaly? La riflessione di Luciano Ferraro
In Italia
Cosa resta dell’ultimo Vinitaly? La riflessione di Luciano Ferraro

Leggi tutto