Premium Premium Roger Sesto

Acciaio, botte, barrique, cemento: non c’è un affinamento migliore, dipende dall’obiettivo

Acciaio, botte, barrique, cemento: non c’è un affinamento migliore, dipende dall’obiettivo

L’affinamento del vino è fondamentale per avere un nettare equilibrato, che sia di pronta beva o complesso. I materiali e le variabili sono tante, purché le scelte siano coerenti con tutta la filiera produttiva.

L’articolo fa parte della Monografia Affinamenti
(Civiltà del bere 3/2022)

Per affinamento, latu sensu si intendono tutte quelle pratiche di conservazione del vino da quando termina la fermentazione a quando il nettare di Bacco viene versato nel calice.
Le variabili che hanno i produttori per far maturare i loro vini sono numerose. Cemento, acciaio, sosta sulle fecce fini, botti grandi, fusti piccoli delle più svariate tipologie, tempi di conservazione, impiego del vetro e scelta del tappo sono tutte opzioni a disposizione dei viticoltori per rendere il loro prodotto il più gradevole possibile. L’aspetto importante è che non bisogna aspettarsi che l’affinamento serva per aggiustare un vino “un po’ così”, ma occorre interpretarlo in un’ottica più ampia, che tenga conto di tutti i passaggi antecedenti della filiera produttiva, a partire dal terroir.

Tag: , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 02/09/2022

Leggi anche ...

I vantaggi della carne dry aged
Food
I vantaggi della carne dry aged

Leggi tutto

Non possiamo perderci in un bicchier d’acqua
L'altro bere
Non possiamo perderci in un bicchier d’acqua

Leggi tutto

Ritorno al futuro col Metodo Ancestrale
In Italia
Ritorno al futuro col Metodo Ancestrale

Leggi tutto