Food Food Anna Rainoldi

Alma-Senac: 16 studenti brasiliani a Colorno per imparare la cucina italiana

Alma-Senac: 16 studenti brasiliani a Colorno per imparare la cucina italiana

Dalla partnership fra Alma e il Centro universitario Senac di San Paolo (Brasile) nasce Alma-Senac, il primo corso di formazione per gli studenti del Centro brasiliano presso la Scuola internazionale di cucina italiana a Colorno (Parma).

VIVERE L’ITALIANITÀ IN CUCINA – Sedici studenti del Senac, uno degli istituti più importanti in Brasile per la formazione professionale enogastronomica, frequenteranno la sede italiana di Alma – Scuola Internazionale di cucina italiana per nove settimane, da metà giugno a fine luglio. «Per apprendere le tecniche della nostra cucina è necessario vivere quotidianamente la dimensione dell’italianità. Questo significa anche abituarsi a parlare la nostra lingua, e infatti il corso è interamente in italiano. Soltanto attraverso l’immersione nella cultura di un popolo, infatti, è possibile comprendere il valore che per esso ha il cibo» ricorda lo chef Luciano Tona, direttore didattico di Alma, che ha strutturato questa prima edizione del corso.

I DOCENTI – Sarà lo chef Mauro Elli il principale referente del corso, affiancato da Luca Govoni, professore di storia e cultura dell’alimentazione e della cucina, Matteo Pessina, che approfondirà il panorama enologico italiano, e Michele Crippa, responsabile delle visite didattiche. Al termine delle lezioni, gli studenti seguiranno uno stage formativo, che si concluderà con un esame valutativo dell’intero corso.

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/06/2012

Leggi anche ...

I ristoranti di Civiltà del bere: Local, Venezia
Food
I ristoranti di Civiltà del bere: Local, Venezia

Leggi tutto

Salumi d’Italia: alla scoperta di quelli dalle forme e dai nomi più curiosi
Food
Salumi d’Italia: alla scoperta di quelli dalle forme e dai nomi più curiosi

Leggi tutto

Viaggio nella materia prima (3): la “gentilezza” del radicchio rosa di Gorizia e dell’Isonzo
Food
Viaggio nella materia prima (3): la “gentilezza” del radicchio rosa di Gorizia e dell’Isonzo

Leggi tutto