L'altro bere L'altro bere Marco Cremonesi

L’acqua nel whisky è pura in Irlanda e dura negli States

L’acqua nel whisky è pura in Irlanda e dura negli States

L’acqua è parte integrante dell’immaginario legato a questo distillato. In ogni Paese di produzione ha le sue caratteristiche, ma i regolamenti locali la vogliono filtrata e trattata. Per fabbricare una sola bottiglia di whisky ce ne vogliono ben 13 litri.

L’articolo fa parte della Monografia Acqua
(Civiltà del bere 2/2021)

Gli uffici marketing, per l’acqua del whisky, hanno uno storico debole. Ovunque sia prodotto, la fiaba sull’acqua non manca mai: filtrata dalle eriche e dalla torba in Scozia, sgorgata dalle spaccature nella lastra di limestone che forma il sottosuolo del Kentucky, prelevata là dove nacque la cerimonia del tè in Giappone, l’acqua è parte integrante dell’immaginario del whisky. Del resto, è nella parola stessa: whisky deriva dall’irlandese antico Uisce beatha (pronuncia, ìsc-ke baha), acqua di vita, dal termine acquavite con cui nei monasteri si indicava l’alcol. C’è anche chi si spinge a dire che, in un’industria in cui i cereali arrivano alle distillerie da ogni capo del mondo, l’acqua rappresenti un elemento di terroir.

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 20/06/2021

Leggi anche ...

Caffè: c’era una volta il primato italiano
L'altro bere
Caffè: c’era una volta il primato italiano

Leggi tutto

Sostenibilità: la risposta di Roberto Castagner al caro energia
L'altro bere
Sostenibilità: la risposta di Roberto Castagner al caro energia

Leggi tutto

Cinque caffetterie di design (una per continente) dove gustarsi una tazzina
L'altro bere
Cinque caffetterie di design (una per continente) dove gustarsi una tazzina

Leggi tutto