Food Food Emanuele Pellucci

Il Magnifico Olive Oil Award: un premio per l’olio toscano

Il Magnifico Olive Oil Award: un premio per l’olio toscano

La Toscana, riconosciuta universalmente come la regione di riferimento per gli oli extravergini di eccellenza, non aveva ancora un premio riservato non solo ai propri olivicoltori, ma anche a quelli nazionali e internazionali. A colmare la lacuna sarà da quest’anno Il Magnifico, il Tuscan Olive Oil Award, ideato da Matia Barciulli, chef dell’Osteria di Passignano, e Giorgio Mori, noto produttore di macchinari per frantoi evoluti.

È un premio che nasce in ricordo di due personaggi da poco scomparsi, Massimo Pasquini, dirigente della Camera di commercio di Firenze, e Marco Mugelli, agronomo e consulente olivicolo di fama mondiale; due figure che più hanno segnato l’evoluzione dell’olio d’oliva toscano negli ultimi decenni. Entrambi, è stato ricordato nel corso della presentazione del premio, hanno lasciato un’eredità importante che il mondo produttivo toscano non deve disperdere per poter continuare a rappresentare quel polo d’eccellenza riconosciuto in tutto il mondo.

Il premio è stato creato dallo chef Giorgio Mori, a sinistra, e da Matia Barciulli, noto produttore di macchinari per frantoi

LA PREMIAZIONE IL 4 APRILE – Il premio, al quale ogni produttore potrà partecipare con un solo campione, è articolato in quattro sezioni: Premio il Magnifico-Olio dell’Anno, prodotto in Toscana da olive toscane; Premio Massimo Pasquini-Ristorazione, all’olio prodotto in Toscana da olive toscane che negli assaggi del panel risulti il più adatto all’abbinamento con pietanze tipiche toscane; Premio Marco Mugelli-Innovazione, all’olio prodotto in Toscana da olive toscane che abbia ottenuto il punteggio maggiore e con il maggior numero di polifenoli; Premio Outside Tuscany-Il Migliore del Resto del Mondo, all’olio prodotto fuori Toscana da olive non toscane. Il panel di assaggio è composto da otto professionisti; i 10 migliori campioni saranno protagonisti il 4 aprile della serata in stile “oscar” nel Castello del Nero, a Tavarnelle Val di Pesa, dove saranno decretati i quattro oli vincitori.

UN CONTRIBUTO ALLA SALVAGUARDIA DEL PAESAGGIO TOSCANO – Alla conferenza di presentazione era presente, tra gli altri, l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianni Salvadori, che ha auspicato come il premio «possa contribuire anche a far trovare nuovi sbocchi commerciali alle aziende olivicole vincitrici». «Rendere remunerativo il settore», ha aggiunto, «serve anche alla salvaguardia del paesaggio toscano che, come si sa bene, ha proprio negli olivi una sua caratteristica inconfondibile. Occorre quindi trovare forme, anche attraverso la certificazione della qualità del prodotto, per portare reddito agli olivicoltori».

Per dettagli sul premio consultare il sito www.premioilmgnifico.com.

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 16/01/2013

Leggi anche ...

Formaggi d’Italia: le due anime del Bitto
Food
Formaggi d’Italia: le due anime del Bitto

Leggi tutto

I ristoranti di Civiltà del bere: Local, Venezia
Food
I ristoranti di Civiltà del bere: Local, Venezia

Leggi tutto

Salumi d’Italia: alla scoperta di quelli dalle forme e dai nomi più curiosi
Food
Salumi d’Italia: alla scoperta di quelli dalle forme e dai nomi più curiosi

Leggi tutto