Gli interpreti del vino naturale in Abruzzo

Gli interpreti del vino naturale in Abruzzo

Due personalità del vino naturale abruzzese a confronto. Da un lato il patriarca Emidio Pepe, che ha saputo portare alla ribalta Trebbiano e Montepulciano, con lavorazioni tradizionali e rispettose del territorio. Dall’altra Francesco Cirelli, figlio del Nuovo Millennio e sostenitore dell’anfora.

Pensando all’Abruzzo, il primo nome che viene in mente è quello, rivoluzionario, di Edoardo Valentini, scomparso 15 anni fa. Subito dopo però c’è Emidio Pepe, classe 1932 (quattro anni in più dell’amico e “rivale” Edoardo), il produttore che più ha infiammato il dibattito enologico abruzzese e nazionale del Nuovo Millennio. L’azienda di Torano Nuovo (Teramo) ha una storia secolare alle spalle (il nonno produceva vino già dal 1899). Ma è solo dal 1964 con la figura di Emidio, vignaiolo ispirato e lavoratore instancabile, che hanno visto la luce i primi imbottigliamenti.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 02/08/2021

Leggi anche ...

Old Vine Conference e Villa Bogdano in difesa delle vecchie vigne
In Italia
Old Vine Conference e Villa Bogdano in difesa delle vecchie vigne

Leggi tutto

Ferrari, la seconda volta della Riserva Bruno Lunelli
In Italia
Ferrari, la seconda volta della Riserva Bruno Lunelli

Leggi tutto

Champagne Martin Orsyn, l’ultimo progetto del gruppo Hausbrandt
In Italia
Champagne Martin Orsyn, l’ultimo progetto del gruppo Hausbrandt

Leggi tutto