In Italia In Italia Roger Sesto

Francavidda e Impigno, due chicche di Ostuni

Francavidda e Impigno, due chicche di Ostuni

Tra i vitigni autoctoni più curiosi del panorama enoico pugliese figurano il Francavidda e l’Impigno. Il loro interprete è Oronzo Greco, dell’omonima azienda di Ostuni.

«Tutto è iniziato nel 2004, quando ho scoperto che queste uve potevano dare risultati interessanti», racconta il produttore. «Approfondendo la mia ricerca è pure emerso che nessuno vinificava le due cultivar alla base dell’Ostuni Bianco Doc, e che pertanto anche la denominazione era di fatto in via di estinzione, non solo i vitigni. Ho quindi deciso di investirvi».

Un grappolo pruinoso di Francavidda

Signora Nina, blend di Impigno e Francavidda

L’Impigno ha grappoli alati, con bacche dalla buccia sottile, poca pruinosa; resistente a malattie e avversità climatiche, matura a metà settembre, con alte rese. Il Francavidda presenta viceversa degli acini dalla buccia pruinosa e spessa. Dal loro blend si ricava un vino profumato di pesche e agrumi, con ricordi di erbe, acacia e mandorla amara. E proprio queste sono le caratteristiche del Signora Nina, Ostuni Bianco Doc, prodotto da Cantina Greco.

Per conoscere gli altri autoctoni della Puglia clicca qui.
L’articolo sui vitigni autoctoni pugliesi prosegue su Civiltà del bere 6/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 05/01/2020

Leggi anche ...

Sangiovese di Romagna, un mosaico di diversità
In Italia
Sangiovese di Romagna, un mosaico di diversità

Leggi tutto

Musei del vino: il nuovo Museo del Ruchè di Castagnole Monferrato
In Italia
Musei del vino: il nuovo Museo del Ruchè di Castagnole Monferrato

Leggi tutto

Gli eventi del vino di marzo
Eventi
Gli eventi del vino di marzo

Leggi tutto