Scienze Scienze Riccardo Oldani

Effetto terroir: si può davvero misurare?

Effetto terroir: si può davvero misurare?

Un recente studio condotto nella regione di Mendoza, in Argentina, indica che le condizioni uniche di crescita della vite e di produzione del vino legate a suolo e clima lasciano sul prodotto finale un’impronta digitale inconfondibile. Al punto che con analisi chimiche è possibile risalire perfino alla parcella di origine dell’uva utilizzata. Ma davvero esiste una prova scientifica del terroir? Gli studiosi ne sono convinti, ma la ricerca ha ancora una lunga strada da percorrere.

Duecentouno vini diversi, ottenuti da altrettante microvinificazioni di uva Malbec proveniente da 23 vigneti in tre vendemmie successive (2016, 2017, 2018). È questo il numero di campioni su cui un gruppo di ricercatori argentini ha condotto analisi chimiche per individuare, in particolare, i contenuti di antociani e di componenti a basso peso molecolare nel prodotto finale. Le indagini, descritte in un articolo pubblicato su “Nature Scientific Reports”, si sono  basate su tecniche di cromatografia liquida e avrebbero, secondo gli studiosi, evidenziato caratteristiche così uniche dei vari vini da consentirne, in modo univoco, l’abbinamento con i vigneti di provenienza. In altre parole, lo studio avrebbe individuato, in modo irrefutabile, la prova scientifica del terroir (leggi anche qui).

Tag: , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 23/03/2021

Leggi anche ...

Robot in vigna? Le ultime dai Leonardo Labs del Politecnico di Milano
Scienze
Robot in vigna? Le ultime dai Leonardo Labs del Politecnico di Milano

Leggi tutto

I tre nuovi cloni del Turbiana
Scienze
I tre nuovi cloni del Turbiana

Leggi tutto

Maestri dell’eccellenza: Guido Berlucchi e il manifesto green della Franciacorta
Scienze
Maestri dell’eccellenza: Guido Berlucchi e il manifesto green della Franciacorta

Leggi tutto