Senza confini Senza confini Anita Franzon

Chi seguire sui social: Dwyane Wade

Chi seguire sui social: Dwyane Wade

Dwyane Wade @dwyanewade su Instagram – è conosciuto in tutto il mondo per le sue qualità atletiche come cestista nella NBA, ma da quando si è ritirato dal basket professionistico, non ha mai nascosto la sua grande passione per il vino, tanto da aver intrapreso la strada della viticoltura nella Napa Valley con il marchio Wade Cellars.

Ma non solo. Da poco Dwyane Wade fa parte dell’Executive Leadership Board dell’Università più famosa negli Usa per l’enologia, la UC Davis, con l’obiettivo di aumentare l’inclusione e la diversità all’interno del settore. Come scrive la giornalista Esther Mobley che ha intervistato l’ex star della NBA sul San Francisco Chronicle, il motivo per cui Wade ha ottenuto e accettato questo prestigioso incarico insieme ad altri due nuovi membri – la scrittrice e degustatrice Julia Coney e il viticoltore ed ex studente della UC Davis Miguel Luna – è quello di rendere il vino più accessibile.

Il ruolo di Dwyane Wade

«Quest’ultima mossa fa parte di uno sforzo durato anni per diversificare la popolazione studentesca», ha affermato David Block, professore di viticoltura ed enologia e presidente del Dipartimento, perché se fino a una decina di anni fa le minoranze rappresentavano il 5% degli studenti, ora questi sono al 25%. La UC Davis spera, però, che l’intervento di Wade, Coney e Luna possa aiutarli ad aumentare ancora la percentuale.

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 28/10/2021

Leggi anche ...

ProWein 2022, il ritorno tanto aspettato
Eventi
ProWein 2022, il ritorno tanto aspettato

Leggi tutto

Jean-Louis Chave premiato enologo dell’anno dai Master of Wine
Senza confini
Jean-Louis Chave premiato enologo dell’anno dai Master of Wine

Leggi tutto

Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino
Premium
Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino

Leggi tutto