L'altro bere L'altro bere Jessica Bordoni

Assodistil: nel 2011 l’export di grappa in bottiglia cresce del +18%

Assodistil: nel 2011 l’export di grappa in bottiglia cresce del +18%

Il punto sul settore distillati emerso durante l’assemblea annuale di Assodistil, l’Associazione nazionale industriali distillatori di Alcoli ed Acquaviti, tenutasi a Roma lo scorso 23 maggio.

FORTE CALO DEI CONSUMI NEL 2011 – Il dato più evidente riguarda il forte calo di produzione e consumi, pari al -10% nel 2011. La riduzione dei volumi è legata, in particolare, alla scarsa vendemmia dello scorso anno, tra le meno produttive degli ultimi decenni in termini quantitativi. Complessivamente nel 2011 in Italia sono stati prodotti 833.00 ettanidri di alcol, -16% sul 2010, e 192.800 ettanidri di acquaviti, anche in questo caso la percentuale equivale a -16%. Come ha commentato il neorieletto presidente Assodistil Antonio Emaldi: «Il mondo è cambiato, soprattutto negli ultimi anni e oggi l’industria dei distillati deve confrontarsi con un sistema globale aggressivo, che non perdona chi stenta ad adeguarsi».

LA GRAPPA GUADAGNA PUNTI ALL’ESTERO – L’acquavite di vino, comparto che pone l’Italia in posizione di leader europeo insieme alla Spagna, si conferma la prima voce in termini di export e volume pur subendo una diminuzione del -30% sul 2010. Sale, invece, la produzione di acquaviti di frutta: +67%. Passando alla grappa, il nostro distillato bandiera cala del -11% in volume ma acquista prestigio e consensi all’estero, con un +18% delle esportazioni di prodotto in bottiglia e +37% per  lo sfuso, specialmente sui mercati di Stati Uniti, Brasile, Cina e, in minor misura, Russia.

LE RICHIESTE DI ASSODISTIL ALLA UE – Dopo la vicenda delle pratiche illegali in Francia per la produzione di acquavite che ha colpito pesantemente i distillatori italiani, Assodistil chiede alla UE la massima vigilanza: «È fondamentale che la UE garantisca regole uguali per tutti», ha sottolineato il presidente Emaldi. «E a proposito di Ocm vino, è importante che la distillazione dei sottoprodotti della vinificazione sia stata mantenuta nell’ambito dei Piani nazionali di sostegno, secondo le modalità ora in vigore, e cioè con un aiuto per la produzione di alcol destinato ad usi industriali».

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 25/05/2012

Leggi anche ...

French press, la caffettiera a stantuffo da riscoprire
L'altro bere
French press, la caffettiera a stantuffo da riscoprire

Leggi tutto

Che caffè mi consiglia con questo piatto? Gli chef (stellati) arrivano al bar
L'altro bere
Che caffè mi consiglia con questo piatto? Gli chef (stellati) arrivano al bar

Leggi tutto

Caffè: c’era una volta il primato italiano
L'altro bere
Caffè: c’era una volta il primato italiano

Leggi tutto