Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Prove d’esame da Master of Wine: tutte le soluzioni

Prove d’esame da Master of Wine: tutte le soluzioni

Quella appena trascorsa è stata una settimana di fuoco per oltre 160 aspiranti Master of Wine (fra cui Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del bere). Dal 5 all’8 giugno gli studenti del prestigioso Institute londinese si sono cimentati nelle prove teoriche e pratiche necessarie per diventare MW a tutti gli effetti, con sessioni a Londra, San Francisco e Sydney. Gli esiti saranno noti solo a settembre, ma nel frattempo sono uscite “le soluzioni” delle prove pratiche: tutti i vini degustati alla cieca.

Scopri chi sono (e cosa fanno) i Masters of Wine.

Per l’esame da Master of Wine

L’esame da Master of Wine prevede tre blind tasting da 12 vini ciascuno, e 5 prove scritte teoriche dedicate ad argomenti di viticoltura, enologia, business e altri temi d’attualità per il mondo del vino (leggi pratical papers e theory papers dell’ultima sessione). Per accedere a questo maxi esame, i candidati al titolo di Master of Wine devono aver precedentemente superato il primo esame dell’Institute (un blind tasting di 12 vini e una prova scritta): negli stessi giorni, altri 100 studenti MW hanno affrontato questo primo step.

I bianchi | blind tasting, 1st flight

La prima delle tre degustazioni alla cieca previste dall’esame da Master of Wine è di soli bianchi. Gli studenti devono riconoscerne alcune caratteristiche (come vitigno, provenienza geografica, gradazione alcolica, ma anche qualità e tecniche di vinificazione). Ecco le etichette in assaggio:

  • Chardonnay 2017 Yellowtail | Sudest Australia | 13% vol.
  • Chablis Grand Cru Les Preuses 2012 Domaine William Fèvre | Borgogna, Francia | 12,5% vol.
  • Red Shoulder Ranch Chardonnay 2015 Shafer Vineyards | Napa Valley, California | 14,9% vol.
  • Hunting Hill Chardonnay 2015 Kumeu River | Auckland, Nuova Zelanda | 14% vol.
  • Semillon Lovedale 2011 Mount Pleasant | Hunter Valley, Australia | 10% vol.
  • Viña Gravonia 2007 Lopez de Heredia Viña Tondonia | Rioja, Spagna | 12,5% vol.
  • Ried Lamm, 1, Gruner Veltliner 2016 Schloss Gobelsburg | Kamptal, Austria | 13,5% vol.
  • La Rocca, Soave Classico 2015 Pieropan | Veneto, Italia | 13% vol.
  • Old Vine Chenin Blanc 2017 Raats | Stellenbosch, Sudafrica | 13,5% vol.
  • Torrontés Susanna Balbo 2016 Valle de Uco | Mendoza, Argentina | 13% vol.
  • Kiedrich Gräfenberg, Riesling Trocken GG 2016 Robert Weil | Rheingau, Germania | 13% vol.
  • Eitelsbacher Karthäuserhof Riesling Auslese, Karthäuserhofberg 2007 | Mosella, Germania | 9% vol.

I rossi | blind tasting, 2nd flight

Dodici rossi da tutto il mondo, da collocare e commentare. Ecco le etichette che hanno messo alla prova gli aspiranti MW il 6 giugno:

  • Brunello di Montalcino Riserva Lupi e Serene 2011 Podere Le Ripi | Toscana, Italia | 14,5% vol.
  • Chambolle Musigny 2014 Domaine Roumier | Borgogna, Francia | 13% vol.
  • Côte Rôtie La Landonne 2012 Delas Frères | Rodano, Francia | 13,5% vol.
  • Château Clos de Sarpe 2000 | Saint Emilion, Bordeaux, Francia | 13,5% vol.
  • Gran Reserva 2016 Baron de Ley | 2011 Rioja, Spagna | 14% vol.
  • Pinot noir 2015 Du MOL | Russian River Valley, California | 14,1% vol.
  • Pinot noir 2016 Felton Road | Bannockburn, Central Otago, Nuova Zelanda | 13,5% vol.
  • Pinot noir Reserve 2015 Argyle | Willamette Valley, Oregon, USA | 14,1% vol.
  • Syrah 2016 Te Mata Estate | Hawke’s Bay, Nuova Zelanda | 12,5% vol.
  • Syrah Homage 2014 Trinity Hill | Hawke’s Bay, Nuova Zelanda | 13,5% vol.
  • Zinfandel Old Vines 2014 Ravenswood | Lodi, California | 14,5% vol.
  • Cabernet Sauvignon 2014 Viñedo Chadwick | Puente Alto, Maipo, Cile | 13,5% vol.

Mixed bag | blind tasting, 3rd flight

L’ultima prova pratica è una degustazione alla cieca di 12 etichette “miste”, dagli spumanti ai vini dolci. Ecco i vini di questa prova d’esame:

  • Dom Pérignon 1999 Moët & Chandon | Champagne, Francia | 12.5% vol.
  • Dom Pérignon 2009 Moët & Chandon | Champagne, Francia | 12,5% vol.
  • Château Coutet 2002 | Sauternes-Barsac, Bordeaux, Francia | 14% vol.
  • Château Coutet 2013 | Sauternes-Barsac, Bordeaux, Francia | 13,5% vol.
  • Taylor’s Vintage 1985 | Douro, Portogallo | 20,5% vol.
  • Taylor’s Vintage 2009 | Douro, Portogallo | 20,5% vol.
  • Domaine de Chevalier Blanc 2010 | Pessac-Léognan, Bordeaux, Francia | 14% vol.
  • Châteauneuf du Pape Blanc 2014 Domaine Bousquet des Papes | Rodano, Francia | 13,5% vol.
  • Saint-Romain Sous le Château 2015 Olivier Leflaive | Borgogna, Francia | 13% vol.
  • Cinsault Bechthold Vineyard 2016 Birichino | Lodi, California | 12,5% vol.
  • La Garnacha de Mustiguillo 2015 Toni Sarrión | El Terrerazo, La Mancha, Spagna | 14% vol.
  • Bandol, Château de Pibarnon 2013 Provence, Francia | 14% vol
Tag: , , ,

Leggi anche ...

Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice
Dal mondo
Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice

Mentre già si fanno le prime previsioni sulla Leggi tutto

Paillard si dimette per la tutela dello Champagne
Dal mondo
Paillard si dimette per la tutela dello Champagne

Dopo quasi 20 anni di presidenza, Bruno Paillard Leggi tutto

Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde
Dal mondo
Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde

Per la terza volta consecutiva alla presidenza dell’Oiv Leggi tutto