Dall'Italia Dall'Italia Elena Erlicher

L’Alto Adige incontra l’Alsazia nella casa del Gewürztraminer

L’Alto Adige incontra l’Alsazia nella casa del Gewürztraminer

Cantina Tramin ha ospitato Domaine Albert Mann per un workshop internazionale sul vitigno principe della sua produzione. Gewürztraminer in Alto Adige e Alsazia: un focus sulle differenze di terroir, stili di vinificazione e personalità.

Novantasei professionisti da 16 Paesi si sono riuniti in Alto Adige tra le mura di Cantina Tramin, per partecipare al workshop internazionale “How do you feel about #gewürztraminer?”. Il seminario, condotto da Stephan Reinhardt di Robert Parker – The Wine Advocate, è stata l’occasione per un confronto tra le etichette provenienti dalle due regioni più vocate all’allevamento del vitigno aromatico, l’Alto Adige, rappresentato da Tramin – considerata la casa del Gewürztraminer – e l’Alsazia con Domaine Albert Mann. Dodici i vini proposti dagli enologi Willi Stürz di Tramin e Jacky Barthelmé della Cantina alsaziana, che hanno messo in luce le peculiarità dei terroir d’origine e gli stili di vinificazione. «C’è anche un punto in comune tra i due territori», dice Stephan Reinhardt. «Alto Adige e Alsazia hanno un clima più soleggiato rispetto alla Germania, altra area d’elezione del Gewürztraminer».

Il Gewürztraminer di Tramin, tra i 350 e i 550 metri…

«Le zone maggiormente vocate alla varietà», spiega Willi Stürz, «sono i pendii collinari tra i 350 i 550 metri con esposizioni a est, sud-est e sud. Qui l’ottima escursione termica, con giornate soleggiate e brezze fresche serali, garantisce le condizioni ottimali per la maturazione del Gewürztraminer». La varietà è allevata sul 21% dei vigneti della Cantina su suoli diversi: dolomia calcarea o roccia porfidica con soprastrato calcareo. Si vinifica per microzone e si sta sperimentando la vinificazione in parte con raspo «per ottenere vini più sottili», come nel Nussbaumer dove è al 20%, ma in aumento.

Il workshop internazionale dedicato al Gewürztraminer in Alto Adige e Alsazia

…quello di Albert Mann fino a 1.000

«In Alsazia il periodo vegetativo del Gewürztraminer è più lungo», racconta Jacky Barthelmé. «Abbiamo buone escursioni termiche giorno/notte e alleviamo la varietà su suoli da granitici a calcarei fino ai 1000 metri in regime biodinamico. Questo ci ha permesso di ottenere fino a 1 punto in più di acidità, che con un’uva che ha una maturazione fenolica tardiva, zuccheri alti e acidità bassa è un ottimo risultato».

Gewürztraminer in Alto Adige e Alsazia
In assaggio diverse espressioni del vitigno, abbinate al cibo

Gewürztraminer in Alto Adige e Alsazia: finezza vs potenza

Dal punto di vista stilistico la diversità tra le due Cantine è evidente, come lo è al calice. Se l’altoatesina Tramin privilegia finezza ed eleganza, l’alsaziana Albert Mann punta su ricchezza e potenza. Ciò trova conferma anche nella scelta del residuo zuccherino con Selida 2018 (4,2 g/l), Nussbaumer 2016 (8,1) e 2009 (8,6) di Tramin a confronto con Gewürztraminer 2018 (16), Grand Cru Steingrubel 2016 (29) e 1995 (22) nel primo flight; Epokale 2013 (46 g/l) e 2009 (107), Terminum 2016 (280) vs Grand Cru Furstentum 2010 Vieilles Vignes (38), Vendanges Tardives 2014 (82), Sélection de Grains Nobles 2010(160) nel secondo.

Foto di Cantina Tramin

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 28/11/2019

Leggi anche ...

Nasce Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino
Dall'Italia
Nasce Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino

Su modello londinese, nasce il Milano Wine Club. Leggi tutto

Bianco d’Alessano, tra i primi a essere innestato
Dall'Italia
Bianco d’Alessano, tra i primi a essere innestato

Il Bianco d’Alessano, oggi coltivato soprattutto a Martina Leggi tutto

Pinot nero Castelfeder: presentati tre nuovi cru
Dall'Italia
Pinot nero Castelfeder: presentati tre nuovi cru

La famiglia Giovanett, che nel 2019 festeggia 50 Leggi tutto