Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

I vini più premiati ai Decanter World Wine Awards 2018

I vini più premiati ai Decanter World Wine Awards 2018

Con 50 medaglie Best in Show, 149 platino, 439 oro, 3.454 argento e 7.079 bronzo si chiude l’edizione 2018 dei Decanter World Wine Awards (Dwwa). I premi assegnati dalla giura – 275 professionisti chiamati da tutto il mondo a valutare i 16.903 vini in gara – vedono la vittoria della Francia, che vanta il medagliere più ricco fra tutte le nazioni (2577 medaglie) e il maggior numero di Best in Show (12 in tutto). Subito seguita dall’Italia, di cui si segnalano le ottime performance di Nebbiolo, Sangiovese e Corvina.

Al top vini Platino e Best in Show

Quest’anno i Decanter World Wine Awards hanno introdotto un nuovo sistema di valutazione dei migliori vini in concorso, ricorrendo alle medaglie platino e Best in Show. I campioni con il giudizio più alto sono stati nuovamente suddivisi per vitigni o stile e ri-degustati da un panel composto da presidenti e vicepresidenti regionali. I migliori sono stati premiati con medaglia di platino (Best Value Platinum per i vini sotto le 15 sterline): 149 etichette. I Best in Show, infine, sono stati selezionati dalle medaglie platino e giudicati a parte dei tre presidenti dei DWWA: Andrew Jefford, Sarah Jane Evans MW e Michael Hill Smith MW. Solo lo 0,3% dei campioni in concorso ha meritato quest’ultimo premio: 50 etichette in tutto. Consulta il database completo dei vincitori

Vecchio e Nuovo Mondo

La Spagna è seconda solo alla Francia per numero di Best in Show (9) e vanta un medagliere di tutto rispetto (1330, di cui 20 Platino); importanti anche i risultati del Portogallo (con 420 riconoscimenti – 6 Best in Show e 12 Platino). Nel Nuovo Mondo si conferma il successo dei vini californiani (che guadagnano 93 delle 145 medaglie Usa, fra cui l’unico Best in Show e l’unico Platino); ottimi risultati anche per l’Australia (con 6 Best in Show e 20 Platino),Compaiono fra i Best in Show anche Austria (2), Germania (1), Grecia (1), Nuova Zelanda (3), Argentina (1), Canada (1) e Sudafrica (1).

I Paesi emergenti arrivano da Est

L‘Est Europa si fa notare fra i Paesi premiati. Hanno ricevuto una medaglia Platino la Repubblica Ceca, la Macedonia e la Georgia. E ancora più a oriente, anche la Cina ha meritato più di un riconoscimento: 8 medaglie d’oro da diverse regioni, fra cui un 100% Vidal da Liaoning (Chateau Changyu Icewine, Golden Icewine Valley Blue Label Vidal 2015), un Petit Manseng da Shandong (Taila Winery, Petit Manseng Weichai 2016) e un Marselan da Xinjiang (Zhongfei Winery, Caring Nature Barrel Aged Marselan, Yanqi 2015). Quest’ultima è la regione più premiata, con 4 ori in totale.

Il medagliere italiano ai Decanter World Wine Awards 2018

Sono 2.128 in tutto i riconoscimenti guadagnati dallo Stivale: 6 Best in Show, 29 platino, 54 oro, 608 argento e 1431 bronzo. Ecco quali vini hanno meritato il più alto riconoscimento del Concorso:

  • Cadis – Amarone della Valpolicella Doc 2015
  • Cantina Valle Isarco – Aristos, Pinot grigio Alto Adige Valle Isarco Doc 2016
  • Donnafugata – Ben Ryé, Passito di Pantelleria Doc 2015
  • Mamete Prevostini – La Cruus, Valtellina Superiore Inferno Docg 2015
  • Poggio al Tesoro – Il Seggio, Bolgheri Doc 2014
  • Roberto Sarotto – Barbaresco Riserva Docg 2013

Fra i 29 vini italiani premiati con medaglia platino, la Toscana guadagna il maggior numero di riconoscimenti (10), seguita da Piemonte (6) e Veneto (4). Ecco l’elenco completo:

  • Marisa Cuomo – Fiorduva, Costa d’Amalfi Igt 2016
  • Torre Rosazza – Ribolla Gialla Colli Orientali del Friuli Doc 2016
  • Fazi Battaglia – Massaccio, Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Docg 2016
  • Guido Berlucchi – 61 Nature Franciacorta Docg 2011
  • Fontanafredda – Barolo Riserva Docg 2010
  • Giacomo Borgogno – Cannubi Barolo Docg 2013
  • La Ganghija – Barbaresco Docg 2015
  • Massimo Rattalino – Trentaquattro34, Barolo Docg 2013
  • Palladino – San Bernardo Barolo Riserva Docg 2012
  • Terre del Barolo – Ravera Barolo Riserva Docg 2012
  • Ferruccio Deiana – Sileno Riserva Cannonau di Sardegna Doc 2014
  • Silvio Carta – Riserva Vernaccia di Oristano Doc 2003
  • Cantina Bolzano – Riserva Sauvignon blanc Alto Adige Doc 2015
  • Barone Ricasoli – Colledilà Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013
  • Campo alla Sughera – Arnione Bolgheri Superiore Doc 2014
  • Capezzana – Riserva Carmignano Vin Santo Doc 2010
  • Carillon – Brunello di Montalcino Docg 2013
  • Carlo Baccheschi – Berti Castello di Vicarello Toscana Igt 2013
  • Podere Forte – Petrucci Orcia Doc 2014
  • Querciabella – Chianti Classico Docg 2015
  • Riecine – Chianti Classico Docg 2016
  • Rocca delle Macìe – Sergio Zingarelli, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2014
  • Triacca – La Madonnina, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2014
  • Viticoltori Broccatelli Galli – Sagrantino di Montefalco Doc 2014
  • Grosjean – Vigne Rovettaz, Cornalin Valle d’Aosta Doc 2016
  • Rocca Sveva – Valpolicella Ripasso Superiore Doc 2013
  • Villa Canestrari – 1888, Amarone della Valpolicella Riserva Doc 2011
  • Zeni – Barriques, Amarone della Valpolicella Docg 2013
  • Zeni – VigneAlte, Amarone della Valpolicella Classico Docg 2013
Tag: , , ,

Leggi anche ...

Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice
Dal mondo
Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice

Mentre già si fanno le prime previsioni sulla Leggi tutto

Paillard si dimette per la tutela dello Champagne
Dal mondo
Paillard si dimette per la tutela dello Champagne

Dopo quasi 20 anni di presidenza, Bruno Paillard Leggi tutto

Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde
Dal mondo
Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde

Per la terza volta consecutiva alla presidenza dell’Oiv Leggi tutto