Dall'Italia Dall'Italia Fabrizio Carrera

Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.

Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, spostamenti, cambi al vertice…) nelle 20 città più popolose d’Italia? Ecco cosa vale davvero la pena provare se vi trovate a Messina.

Abbiamo individuato alcuni locali dove suggeriamo di mangiare nel 2019. Perché sono nuovi o aperti da un paio d’anni, profondamente rinnovati nell’ambiente, nella cucina o nella gestione, guidati da giovani o che hanno vissuto da poco cambi generazionali che li hanno rivoluzionati. Insomma buone tavole (non necessariamente solo “creative”, ma anche ottime trattorie o locali etnici) consigliate a chi è in cerca di novità e vuole anche bere bene.

Grecale

In pieno centro città, questo locale minimal e raffinato propone una cucina italiana e giapponese. La proprietà è di Francesco Rella e Fabrizio Natoli, appassionati e visionari, che danno vita al ristorante nel 2014. Il pesce è protagonista oltre che cifra espressiva prediletta dallo chef Paolo Romeo, con qualche piccola incursione nella cucina nipponica. Consigliatissimo il couscous con cui nel 2017 ha vinto il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo. Altro piatto i bottoni di pasta fresca ripieni di ricotta, aromatizzati ai ricci di mare e crema di molluschi con lime, polvere di pomodoro secco e di prezzemolo. Servizio in sala attento e cordiale. La carta dei vini conta circa 600 referenze con una ricerca continua di piccoli produttori e chicche da proporre ai clienti. Notevole l’area lounge nella quale fan bella mostra, tra l’altro, oltre 100 diversi gin e che è stata inserita dal sito specializzato Blue Blazer tra i migliori 100 cocktail bar d’Italia.

Sede invernale Kajiki Japanese Restaurant via XXVII luglio 112
Sede estiva via Canalone 124 – Torre Faro – 090.64.02.915
grecalemessina.it

Marina del Nettuno

Pasquale Caliri

Posto fascinoso sul lungostretto, con vista sulla costa calabrese e sul passaggio suggestivo dei traghetti a fare da sfondo a un locale curato ed elegante. Pasquale Caliri, chef con un passato da giornalista, è un innamorato della materia prima siciliana. I suoi piatti partono dalla tradizione per approdare a proposte in chiave gourmet. Piatti consigliati: “C’era un’ape piccolina nel formaggio stamattina” e il gelato di provola con spuma di miele, polline e granita di camomilla. Buona carta dei vini in cui traspare un grande interesse per le etichette della Sicilia, ma che ospita una buona proposta di Champagne, Riesling e una discreta rappresentanza di etichette italiane. Da 40 euro.

viale della Libertà – Batteria Masotto – 347.28.90.478
www.marinadelnettuno.it

Lo Speciale ristoranti prosegue su Civiltà del bere 2/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 22/08/2019

Leggi anche ...

Chiavennasca, il Nebbiolo in Valtellina
Dall'Italia
Chiavennasca, il Nebbiolo in Valtellina

Citato fin dall’epoca carolingia, questo particolare clone d Leggi tutto

Perché Masseto non vuole la Doc
Dall'Italia
Perché Masseto non vuole la Doc

Stando all’ultima versione del disciplinare, anche il celebr Leggi tutto

Morto Gian Annibale Rossi di Medelana, padre del Lupicaia
Dall'Italia
Morto Gian Annibale Rossi di Medelana, padre del Lupicaia

Salutiamo Gian Annibale Rossi di Medelana, morto nella Leggi tutto