Dall'Italia Dall'Italia Civiltà del bere

Al via il Festival internazionale del Cibo di strada

Al via il Festival internazionale del Cibo di strada

Torna in Piazza del Popolo a Cesena da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, la kermesse gastronomica “cult” che attira ogni anno in città circa 100.000 visitatori.

Diverse saranno le novità di questa 12a edizione del Festival, che si svolgerà nel cuore del centro storico, dalle 12 fino a tarda notte.

Il miglior street food al premio intitolato a Gianpiero Giordani

La prima è il premio Gianpiero Giordani Street Food Award, intitolato al suo ideatore e storica figura di Slow Food, scomparso solo sette mesi fa. Una giuria composta da esperti e da firme del giornalismo gastronomico, come Licia Granello de la Repubblica e Pina Sozio, curatrice della Guida Street Food del Gambero Rosso, eleggerà il migliore cibo di strada presente al Festival.

Da Milano arriva la Ravioleria Sarpi

La Chinatown di Milano parteciperà per la prima volta con Ravioleria Sarpi che con i suoi ravioli cinesi realizzati a vista, con prodotti provenienti da aziende agricole italiane di pregio, sta facendo impazzire il capoluogo meneghino.

I ravioli della Ravioleria Sarpi

La new entry della focaccia di Recco

Altra novità di questa edizione è la presenza del Consorzio Focaccia di Recco in rappresentanza della Liguria, che proporrà la famosissima focaccia col formaggio. La focaccia di Recco, che ha ottenuto la tutela europea nel 2015, è diventata uno dei prodotti d’eccellenza che rappresentano l’Italia all’estero. Il Consorzio è il suo ambasciatore nel mondo e ne porta la storia e tradizione ai grandi eventi, dove la produce a vista facendone apprezzare il sapore, la fragranza e l’inconfondibile profumo. 

La focaccia di Recco

Cibo di strada ma di alta qualità

«Sarà una sfida amichevole», dichiara Vittorio Castellani, in arte Chef Kumalé, presidente della giuria e curatore della sezione internazionale. Le 30 delegazioni in rappresentanza delle diverse regioni italiane, Paesi del mondo e food truck verranno così messe a confronto. «Con Gianpiero ne parlavamo da tempo. L’intento è tenere alta quella qualità che ha sempre caratterizzato il Festival», sottolinea il giornalista “gastronomade”.

Venti isole gastronomiche da tutto il mondo

Piazza del Popolo ospiterà gli stand con le proposte di street food nazionale e internazionale: in tutto verranno allestite oltre 20 isole gastronomiche. Protagoniste saranno le diverse regioni italiane, presenti con i loro cibi da strada più sfiziosi, dall’Abruzzo alla Sicilia, dalle Puglie alla Toscana, fino alle Marche, alla Campania, oltre naturalmente all’Emilia Romagna. Molti saranno anche i Paesi ospiti che proporranno specialità di street food dal Messico all’India, dalla Grecia al Giappone, fino al Marocco, alla Cina, al Perù e all’Argentina, solo per citarne alcuni. Sempre in piazza del Popolo sarà presente anche uno spazio dedicato a Cesena Senza Glutine.

Non mancherà la classica piadina romagnola

Non solo cibo…

In parallelo si svolgerà lo Street Art Fest, una rassegna di concerti e spettacoli in piazza della Libertà, dove verrà anche allestita un’area dedicata ai food truck con una decina di postazioni. Al Mercato Coperto si troverà invece lo spazio dedicato agli showcooking, animato sempre dallo Chef Kumalé, dove si alterneranno alcuni degli ospiti, per raccontare le loro specialità. Sempre al Mercato Coperto, tutti i corner della ristorazione proporranno cibi di strada in una sorta di gemellaggio con il Festival.

Birra artigianale, vino, latte e caffè completano l’offerta

Non mancheranno le birre artigianali, i vini del territorio e tante bevande provenienti dai Paesi partecipanti, né le eccellenze del gelato al latte e alla panna della Centrale del Latte di Cesena, e la Bottega del Caffè del Mondo.

Cesena capitale dello street food

«Cesena si conferma anche per quest’anno capitale del cibo di strada di qualità», afferma Graziano Gori, direttore della Confesercenti Cesenate, tra gli organizzatori della manifestazione. «È qui infatti che dal 2000 si svolge la prima manifestazione dedicata a questa particolare forma di cibo popolare. A ribadire l’importanza dell’evento, domenica 6 ottobre ci sarà il mercato ambulante straordinario e ci auguriamo che le attività commerciali del centro storico possano beneficiare dei tanti visitatori provenienti da tutta Italia».

L’accesso all’area del Festival è libero, senza biglietto d’ingresso.

Il programma

Venerdì 4 ottobre, ore 21

Piazzetta del Mercato Coperto
Baozi, Jiaozi e Dim Sum i ravioli dalla cucina cinese alla chinatown di Milano
Talk food & showcooking con Agié della Ravioleria Sarpi e il giornalista Chef Kumalé. Ingresso libero con degustazione fino a esaurimento posti.

Sabato 5 ottobre, ore 10.30

Piazzetta del Mercato Coperto
Presentazione del concorso intitolato a Gianpiero Giordani, ideatore del Festival, scomparso lo scorso inverno.

Intervengono: Vittorio Castellani aka Chef Kumalé, Luca Toni (Slow Food), Licia Granello (La Repubblica), Pina Sozio (Gambero Rosso), Giancarlo Banchieri (Fiepet), Gian Paolo Angelotti (Fiesa), Marco Dalla Rosa (Facoltà Scienze dell’Alimentazione dell’Università di Bologna), Davide Buratti (giornalista) in qualità di membri della giuria del premio.

Eat the street  gli showcooking con lo chef Kumalé.

Domenica 6 ottobre, ore 11

Le Arepas de rejna pepiada, le “tigelle” venezuelane di farina di mais che fanno impazzire miss Mondo
Talk food & showcooking con “Ruggero l’arepero” di Arepa’z Milano e lo Chef Kumalé. Ingresso libero con degustazione fino a esaurimento posti.

Per informazioni: www.cibodistrada.com info@cibodistrada.com

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 25/09/2019

Leggi anche ...

Carlotta Salvini Miglior sommelier d’Italia Fisar 2019
Dall'Italia
Carlotta Salvini Miglior sommelier d’Italia Fisar 2019

Complimenti a Carlotta Salvini, Miglior sommelier d’Italia Fisar Leggi tutto

Top of Vini Alto Adige: il tasting dei più premiati dalla critica
Dall'Italia
Top of Vini Alto Adige: il tasting dei più premiati dalla critica

Il 29 novembre a Bolzano torna Top of Vini Alto Leggi tutto

Tintore di Tramonti, da vigne secolari a piede franco
Dall'Italia
Tintore di Tramonti, da vigne secolari a piede franco

Il Tintore di Tramonti è oggi diffuso quas Leggi tutto