Premium Premium Massimo Zanichelli

Vini di Montagna (2): la Valle d’Aosta e Torrette

Vini di Montagna (2): la Valle d’Aosta e Torrette

I vini di montagna abitano luoghi aspri ed estremi. Le vigne sono strappate alle cime attraverso piccoli fazzoletti di terra, in un corpo a corpo con le rocce, le rupi e gli anfratti, tra terrazzamenti, muri a secco e forti pendenze. Dalla Valle d’Aosta all’Etna, questa nuova serie ci porta al cospetto di una viticoltura impervia e spettacolare, frutto di secoli di strenuo lavoro contadino, di cui è erede il vignaiolo moderno. Seconda tappa: Torrette.

Benché Torrette sia la denominazione più estesa della regione – coinvolge diversi comuni, anche dell’Envers, per quasi 60 ettari di estensione – la sua zona storica ne occupa soltanto quattro. Tutti sull’omonimo monte situato sopra l’abitato di Saint-Pierre. Non che manchino buoni e ottimi vini anche nell’area “allargata” (ad esempio, il Torrette Superiore di Elio Ottin), ma è tra gli spalti del monte Torrette e nel pugno di vigne che sottraggono francobolli di roccia al suo mastodontico profilo che si trova il luogo più vocato e ancestrale della sua viticoltura.

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 03/10/2023

Leggi anche ...

Le performance dell’agroalimentare nei primi mesi del 2024. Tra cali ed exploit
Premium
Le performance dell’agroalimentare nei primi mesi del 2024. Tra cali ed exploit

Leggi tutto

Caffè: con il design c’è più gusto
L'altro bere
Caffè: con il design c’è più gusto

Leggi tutto

Belgian Tripel, potenza e bevibilità
L'altro bere
Belgian Tripel, potenza e bevibilità

Leggi tutto