Premium Premium Mario Fregoni

Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto

Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto

Gli ibridi tra specie europea e americana/asiatica potranno entrare nelle Dop grazie ai nuovi regolamenti Ue. Mentre la Vitis vinifera ha dimostrato le sue alte prestazioni qualitative, gli incroci interspecifici non hanno finora dato i risultati sperati.

L’articolo fa parte della Monografia Diversità e Inclusione
(Civiltà del bere 1/2022)

L’Unione Europea al termine del 2021 ha approvato un regolamento che consente l’impianto degli ibridi interspecifici, tra la Vitis vinifera (detta europea) e le specie americane e/o asiatiche, anche per la produzione delle Dop (le nostre Doc e Docg), senza una procedura da adottare per gli Stati membri. Il Paese europeo che ha un regolamento meglio strutturato per l’iscrizione nell’elenco delle varietà coltivabili è la Francia. Anzitutto la procedura è condotta da un Consiglio scientifico tecnico di portata nazionale. Il primo esame di una nuova varietà riguarda tre parametri: la nuova accessione deve possedere un carattere Distinto, Omogeneo e Stabile (DOS), dato che proviene da seme, geneticamente ibrido e differente dai genitori, generalmente frutto di alcune reibridazioni di sostituzione dei geni della cattiva qualità e della resistenza alle malattie (che i viticoltori combattono da circa 150 anni: peronospora e oidio).

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 12/05/2022

Leggi anche ...

Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino
Premium
Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino

Leggi tutto

Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B
Premium
Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B

Leggi tutto

Come sopravvivere alla tempesta (economica) perfetta
Premium
Come sopravvivere alla tempesta (economica) perfetta

Leggi tutto