Premium Premium Attilio Scienza

Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B

Un parere a favore degli ibridi in viticoltura. Non esistono viti di serie A o B

Il tema di un’origine comune del genere Vitis è ancora divisivo nella comunità scientifica. Ma i preconcetti sugli ibridi tra specie europea e americana rischiano di rallentare i progressi finora fatti nella ricerca, così come quelli a venire.

L’articolo fa parte della Monografia Diversità e Inclusione
(Civiltà del bere 1/2022)

La storia della macrotassonomia, la scienza della classificazione, è un viaggio nella diversità della vita, ricco di scoperte e di colpi di scena, che alimenta dall’800 il concetto di razza umana. Tale concetto ha motivazioni di carattere culturale, ma non basi biologiche. Quei caratteri che siamo abituati a considerare come tipici delle razze rispecchiano l’adattamento genetico, avvenuto attraverso la selezione naturale, all’ambiente in cui si è svolta la maggior parte della vita delle varie popolazioni nelle ultime decine di migliaia di anni. Un ragionamento analogo possiamo farlo per il genere Vitis, dove la nozione di specie è un artificio introdotto dalla classificazione del genere da Linneo.

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 12/05/2022

Leggi anche ...

Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino
Premium
Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino

Leggi tutto

Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto
Premium
Un parere contro gli ibridi in viticoltura. Il mulo è passato ma il cavallo è rimasto

Leggi tutto

Come sopravvivere alla tempesta (economica) perfetta
Premium
Come sopravvivere alla tempesta (economica) perfetta

Leggi tutto