Storytelling Storytelling Civiltà del bere

Umani Ronchi: l’immagine si fa coordinata

Umani Ronchi: l’immagine si fa coordinata

La storica Cantina della famiglia Bernetti ha rinnovato la grafica delle etichette dei tre vini apripista: Serrano, Villa Bianchi e Podere. Restyling celebrativo anche per il Verdicchio Casal di Serra e il Rosso Conero San Lorenzo, da oltre trent’anni baluardi dell’enologia marchigiana nel mondo.

Marchio iconico della viticoltura marchigiana e abruzzese, Umani Ronchi ha deciso di dare una nuova veste ai suoi tre vini di ingresso: il Rosso Conero Serrano, il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Villa Bianchi e il Montepulciano d’Abruzzo Podere.

Un fil rouge tra tutte le bottiglie

Non un semplice restyling, ma una vera e propria immagine coordinata. «Fin da subito l’obiettivo è stato quello di creare un fil rouge tra le bottiglie», spiega il titolare Michele Bernetti. «Da qui l’idea di un disegno comune, che simboleggia il luogo da cui tutto ha avuto inizio: Villa Bianchi». Costruita nel 1890 a Maiolati Spontini, l’antica fattoria immersa nei vigneti dei Castelli di Jesi rappresenta una delle prime proprietà della famiglia Bernetti. «Villa Bianchi è stata il fulcro dell’avvio dell’attività vinicola di Umani Ronchi e ancora oggi raccoglie i sentimenti, i sacrifici e le speranze dello straordinario lavoro della terra».

Villa Bianchi come simbolo di continuità

Il progetto grafico è firmato da Eliana Colizzi, già autrice delle etichette di alcuni prodotti top level, come i rossi del Conero Campo San Giorgio e Pelago, fino alla recente linea abruzzese Centovie. «Ci piace l’idea che il tratto di una stessa mano unisca idealmente i nostri vini». L’artista si è lasciata ispirare dalla sagoma di Villa Bianchi e ha elaborato un disegno a china che si ripete identico in tutte le bottiglie. A variare è il dettaglio del colore del nome del vino e della persiana di sinistra: rosso per Serrano, verde per Villa Bianchi e porpora per Podere.

Casal di Serra e San Lorenzo, stile che non invecchia


Il cambio d’immagine ha coinvolto anche le due etichette di punta: Casal di Serra, Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore e San Lorenzo, Rosso Conero. Nati entrambi nei primi anni Ottanta, sono due pilastri portanti della storia di Umani Ronchi e dell’Italia enologica intera. «Hanno attraversato decenni di cambiamenti e tendenze, restando fedeli a un’idea di stile senza tempo e al territorio d’appartenenza. Proprio per rendere onore a queste radici abbiamo pensato a una piccola rivisitazione della bottiglia e dell’etichetta, riprendendo le versioni originali di 30 anni fa per sottolineare il loro stile sobrio, elegante e distintivo».

Realizzato in collaborazione con Umani Ronchi.

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 3/2020. Acquista

Sei abbonato digitale o premium? Sfoglia la rivista o scarica il pdf

Vuoi abbonarti? Clicca qui

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 19/09/2020

Leggi anche ...

Vallepicciola: la nuova Cantina al centro di una wine experience indimenticabile
Storytelling
Vallepicciola: la nuova Cantina al centro di una wine experience indimenticabile

Nei mesi scorsi la Casa vinicola chiantigiana ha Leggi tutto

Tenuta Perano, l’essenza del Chianti Classico
Storytelling
Tenuta Perano, l’essenza del Chianti Classico

Estrema finezza insieme a grande potenza sono Leggi tutto

Feudi di San Gregorio ricerca i tesori nascosti dell’Irpinia
Storytelling
Feudi di San Gregorio ricerca i tesori nascosti dell’Irpinia

La Cantina con i suoi progetti I Patriarchi, Leggi tutto